Luvarus imperialis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pesce imperatore
Luvarus imperialis.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Luvaridae
Genere Luvarus
Specie L. imperialis
Nomenclatura binomiale
Luvarus imperialis
Rafinesque, 1810
Esemplare catturato in Croazia

Il pesce imperatore o luvaro (Luvarus imperialis) è un pesce di mare appartenente alla famiglia Luvaridae di cui è l'unico membro noto.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È una specie cosmopolita diffusa in tutti gli oceani nelle fasce tropicali, subtropicali e temperate calde sia a nord che a sud dell'equatore. Nel mar Mediterraneo non è comune ma comunque conosciuto da secoli.

Si tratta di un tipico pesce pelagico che vive in acque aperte avvicinandosi difficilmente alle coste e frequentando soprattutto i primi 200 metri di profondità.

Nell'Italia meridionale viene denominato Luvaro il Pagello[1].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un pesce inconfondibile tanto è singolare il suo aspetto, infatti ha corpo fusiforme ma massiccio, pinne dorsale ed anale simmetriche e limitate al terzo posteriore del corpo, coda falcata e simile a quella del tonno o del pesce spada, pinne ventrali rudimentali, pinne pettorali lunghe, capo massiccio con fronte ripida, bocca piccola ed occhi posti nella metà inferiore.

La livrea è nero-azzurra sul dorso ed argentea con toni rosati su ventre e fianchi. Le pinne pettorali e la pinna caudale sono rosee mentre la pinna dorsale e la pinna anale sono rosso scarlatto e possono avere la membrana di colore nero.

Raggiunge i 2 metri di lunghezza per 100 kg di peso.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si ciba di organismi planctonici di grandi dimensioni come meduse e tunicati pelagici ed è accertato che si nutre anche di vegetali.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le uova sono numerosissime, pelagiche. Lo sviluppo passa da tre fasi note come:

  • Hystricinella trasparente con testa grande come metà del corpo e raggi dorsali lunghi e spinosi (fino a 2,5 cm)
  • Astrodermella con testa più piccola, corpo cosparso di macchie scure su fondo rosa, pinne dorsale, anale e ventrali molto sviluppate (fino a 40 cm)
  • Luvarella in cui il giovane va sempre più assomigliando alla forma adulta (fino ad 1 m).

Pare che la maturità sessuale venga raggiunta durante lo stadio Astrodermella.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Solitario o in gruppi sparsi composti di pochi individui.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Del tutto occasionale. Le carni sono molto pregiate ma raramente si trova sui mercati.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.treccani.it/vocabolario/luvaro/

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Egidio Trainito, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo, 2004ª ed., Milano, Il Castello, 2004, ISBN 88-8039-395-2.
  • Patrick Louisy in Trainito, Egidio (a cura di), Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 88-8039-472-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci