Lust for Life (Iggy Pop)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lust for Life
Artista Iggy Pop
Tipo album Studio
Pubblicazione 29 agosto 1977[1]
Durata 41 min : 53 s
Dischi 1
Tracce 9
Genere Proto-punk[1]
Hard rock[1]
Album-oriented rock[1]
Etichetta RCA Records
Produttore Bewlay Bros.
Registrazione 1977 a Berlino, presso gli studi di David Bowie
Iggy Pop - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1979)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 5/5 stelle[1]
Ondarock Consigliato[2]

Lust for Life è il secondo album del cantante statunitense Iggy Pop, pubblicato il 29 agosto 1977 per l'etichetta discografica RCA Records.[1]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

La prima traccia del disco, intitolata proprio Lust for life, nel 2004 è stata inserita al numero 147, nella classifica delle 500 migliori canzoni di sempre secondo la rivista Rolling Stone.[3]

Lo stesso brano ha riacquistato successo dopo essere stato utilizzato nell'introduzione del film Trainspotting, del 1996.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Lust for Life – 5:13 (Iggy Pop – David Bowie)
  2. Sixteen – 2:26 (Iggy Pop)
  3. Some Weird Sin – 3:42 (Iggy Pop – David Bowie)
  4. The Passenger – 4:44 (Iggy Pop – Ricky Gardiner)
  5. Tonight – 3:39 (Iggy Pop – David Bowie)
  6. Success – 4:25 (Iggy Pop – David Bowie, Ricky Gardiner)
  7. Turn Blue – 6:56 (Iggy Pop, Walter Lacey – David Bowie, Warren Peace)
  8. Neighborhood Threat – 3:25 (Iggy Pop – David Bowie, Ricky Gardiner)
  9. Fall in Love with Me – 6:30 (Iggy Pop – David Bowie, Hunt Sales, Tony Sales)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti aggiunti[modifica | modifica wikitesto]

Tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Mark Deming, Lust for Life in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 16 agosto 2013.
  2. ^ Iggy Pop - biografia, recensioni, discografia, foto, ondarock.it. URL consultato il 16 agosto 2013.
  3. ^ (EN) 500 Greatest Songs of All Time: Iggy Pop, 'Lust for Life', Rolling Stone. URL consultato il 16 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]