Lungomare Falcomatà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uno scorcio della passeggiata sul lungomare Falcomatà
La passeggiata

Il Lungomare Falcomatà è una delle vie più note di Reggio Calabria. È dedicato al sindaco Italo Falcomatà, protagonista e ispiratore della "Primavera di Reggio".

Il più bel chilometro d'Italia[modifica | modifica sorgente]

uno stabilimento balneare sotto il lungomare

Di gran lunga più esteso di un chilometro (circa 1,7 km precisamente da piazza Indipendenza a piazza Garibaldi), il lungomare del centro storico di Reggio occupa l'area costiera compresa tra il porto ed il fortino a Mare (l'antico Castelnuovo nei pressi di punta Calamizzi). È costituito dalle quattro vie lungomare Falcomatà, lungomare Matteotti, corso Vittorio Emanuele III e viale Genoese Zerbi, ma tutta l'area viene generalmente identificata come via Marina.

Il fronte a mare della città è ricco di palmizi e specie vegetali estremamente variegate. Il viale è adornato da palazzi in stile liberty (molti risalenti all'ultima ricostruzione della città) tra i quali spiccano palazzo Zani, palazzo Spinelli e villa Genoese Zerbi. È inoltre arricchito da elementi che indirettamente tracciano la storia della città quali i numerosi monumenti commemorativi, una fontana monumentale ed alcuni siti archeologici a testimonianza dell'epoca greco-romana: tratti delle mura di cinta della città greca ed un impianto termale di epoca romana.

Tra il mare e la passeggiata con il parapetto e i lampioni liberty, sorge l'arena dello Stretto, teatro in stile tipicamente greco che ospita eventi culturali ed intrattenimento soprattutto nei mesi estivi; sul molo di Porto Salvo antistante l'arena sorge il monumento a Vittorio Emanuele III, che qui sbarcò toccando il suolo italiano per la prima volta da re il 31 luglio 1900.

Il lungomare di Reggio viene spesso chiamato "il più bel chilometro d'Italia"[1], forse anche per via del miraggio della Fata Morgana, interessante fenomeno ottico visibile solo dalla costa calabra, da cui ha origine il mito per effetto del quale è possibile vedere le immagini ravvicinate della Sicilia riflesse e dal mare. La frase è spesso attribuita a Gabriele D'Annunzio, ma l'attribuzione pare erronea. Secondo lo storico Agazio Trombetta la citazione è falsa: D'Annunzio non fu mai a Reggio e nella Biblioteca Dannunziana non risulta nulla su Reggio Calabria. Pare invece che durante la radiocronaca del Giro d'Italia 1957 da Reggio, Nando Martellini citò questa frase attribuendola a D'Annunzio, così come gli era stato riferito da alcuni cittadini reggini particolarmente entusiasti[2][3].

Storia del lungomare di Reggio[modifica | modifica sorgente]

Un lampione del lungomare con la caratteristica ringhiera liberty

L'antico affaccio sul mare[modifica | modifica sorgente]

Le principali zone adibite ad attracco portuale nella storia sono state essenzialmente due: il golfo dell'antico porto naturale a ridosso dell'antico promontorio di punta Calamizzi (affondato nel 1562 a causa di un terremoto), e l'attuale porto che sorge in una zona di costa limitata al quartiere di Santa Caterina.

I due antichi approvvigionamenti idrici della città si trovavano lungo la marina ed erano:

  • fontana Vecchia, detta fontana Rossa dal colore dell'edificio della Sanità marittima adiacente;
  • fontana Nuova, detta fontana del Plebiscito dopo il 1860 per la posizione in asse alla strada omonima, e successivamente denominata anche fontana della Pescheria per l'adiacenza con il porticato della pescheria vicino palazzo Nesci.

1783 - prima ricostruzione e nascita del lungomare[modifica | modifica sorgente]

Il vecchio lungomare

Dopo il grave terremoto del 1783, il piano di ricostruzione è redatto dall'ingegner Giovan Battista Mori. Con l'abbattimento delle antiche mura per recuperare il suolo da esse occupato, la fascia lungo il mare viene organizzata con un sistema di edifici continui ed uno spazio urbano attrezzato che seguiva l'andamento della costa. Il progetto di demolizione fu eseguito, nacque il lungomare di Reggio e fu costruita la nuova palazzata sulla strada marina, che fu chiamata Real Palazzina.

Tra il 1884 ed il 1886 la via Marina fu interessata da lavori di sistemazione. Dopo la costruzione del tronco ferroviario tra la stazione centrale e il porto, i guasti derivanti dai lavori per il tracciato ferroviario, avevano determinato un mutamento di quella che era (assieme al corso Garibaldi) la più importante arteria cittadina.

La Real Palazzina, che con un prospetto unitario qualificava l'affaccio della città verso il paesaggio marino, era stata però privata del suo elemento terminale: l'antico palazzo Nesci (adibito a caserma) e l'edificio della pescheria, che vennero demoliti.

Per riparare i danni apportati dal tracciato ferroviario, il Comune chiese il concorso diretto del Governo; quindi il Progetto per la sistemazione della Strada Marina e coordinamento delle strade traverse presentava una planimetria che prevedeva:

  • l'integrazione della fontana del Plebiscito e della fontana Rossa (tra le vie Plebiscito e San Francesco da Sales)
  • primo elemento della Real Palazzina:
    • il sito della vecchia pescheria
    • il conservatorio delle Verginelle
  • secondo elemento della Real Palazzina:
    • palazzo Scordino
    • palazzo dei fratelli Gullì
  • terzo elemento della Real Palazzina:
    • il distretto militare
    • sul retro il palazzo Cafarelli
  • quarto e quinto elemento della Palazzina, compresi tra la via San Francesco da Sales, la strada Fata Morgana e la strada Giulia
  • la chiesa di Porto Salvo, di fronte all’omonimo molo di Porto Salvo.

1908 - seconda ricostruzione e rinascita del lungomare[modifica | modifica sorgente]

Una panoramica del fronte a mare cittadino visto dal lido Zerbi.

Dopo il terremoto del 1908, l'assessore ai lavori pubblici Giuseppe Valentino - poi sindaco della ricostruzione - incaricò l'ingegnere Pietro De Nava di redigere il progetto del nuovo piano regolatore della città, che includeva la sistemazione del nuovo lungomare.

Venne così ricostruito il nuovo lungomare di Reggio, molto più ampio grazie alle sue tre zone costituite da:

  1. la via Marina alta con i suoi edifici in stile liberty
  2. la striscia botanica, ricca di piante tropicali e sub-tropicali ultracentenarie. Tra esse si trovano specie come: la palma delle Canarie, il Ficus Magnolioide, la Washingtonia, la Erythrina crista-galli, il Pittosporum tobira, la palma nana, il Citrus sinensis[4].
  3. la via Marina bassa con l'affaccio sul panorama dello stretto di Messina

La Primavera di Reggio: il lungomare Falcomatà[modifica | modifica sorgente]

Veduta del moderno lungomare

Una delle principali opere del periodo di rinascita, è l'ultimazione dei lavori di completamento del lungomare su progetto dell'architetto Manfredi Nicoletti, che erano fermi da decine di anni. L'interramento della linea ferrata lungo la costa infatti ha permesso di creare tre nuove zone oltre alle precedenti, per un totale di sei:

  1. la via Marina alta
  2. la striscia botanica
  3. la via Marina bassa
  4. la passeggiata con l'affaccio sul mare, al di sotto della quale scorre la linea ferrata
  5. la passeggiata a mare, adornata da due grandi scalinate che scendono sul mare
  6. la spiaggia

Lavori in corso[modifica | modifica sorgente]

Il concorso di progettazione internazionale Regium Waterfront vinto dall'architetto Zaha Hadid, riqualificherà le zone adiacenti all'attuale lungomare, completando il fronte a mare del centro storico nella fascia marina compresa tra le fiumare Annunziata e Calopinace.

Il completamento del lungomare Falcomatà si estenderà dunque fino ai nuovi estremi del porto a nord e del fiumara Calopinace a sud, segnati da due edifici-simbolo:

  1. il Museo del Mediterraneo (futura nuova sede dei Bronzi di Riace)[5]
  2. il centro polifunzionale

fonte:[6]

Monumenti, palazzi e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Alcuni dei principali elementi d'interesse del lungomare Falcomatà:

Il lungomare Falcomatà con il vulcano Etna sullo sfondo

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi: Gaetano Cingari, Reggio Calabria, Laterza, 1988. e anche: Michele D'Innella, Calabria - Guida del Touring Club Italiano, Touring Editore, 1998. ISBN 88-365-1256-9, ISBN 978-88-365-1256-0
  2. ^ Agazio Trombetta, La via marina di Reggio : il volto e l'anima tra passato e presente, Reggio Calabria, Culture, 2001.
  3. ^ E Nando Martellini lanciò il più bel chilometro d'Italia. D'annunzio? Mai messo piede a Reggio, 12 aprile 2011. URL consultato il 7 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  4. ^ Fonte su specie vegetali
  5. ^ A Londra la firma per il waterfront di Reggio Calabria. URL consultato il 15 febbraio 2009.
  6. ^ Fonte su lavori nuovo waterfront
  7. ^ su Paola Epifani (in arte Rabarama) - Rabarama. Identità. URL consultato il 6 febbraio 2009.
  8. ^ Incendio doloso distrugge museo strumenti musicali, Gazzetta del Sud, 4 novembre 2013 (fonte ANSA)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Renato Laganà e AA. VV., La città e il mare. Gangemi, Reggio Calabria, 1988.
  • Agazio Trombetta, Reggio e il suo Lido - Vicende ed incanti, Culture, Reggio Calabria.
  • Domenico Spanò Bolani, Storia di Reggio Calabria, La voce di Calabria, 1979.
  • Gaetano Cingari, Reggio Calabria, Laterza, Bari, 1988.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Edifici[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 38°06′38.88″N 15°38′40.56″E / 38.1108°N 15.6446°E38.1108; 15.6446

Reggio calabria lungomare lampione etna.jpg
Questa voce fa parte della serie Lungomare Falcomatà
Monumenti e luoghi d'interesse: Arena dello Stretto | Museo dello Strumento Musicale | Monumento ai Caduti di tutte le guerre | Monumento a Corrado Alvaro | Mura Greche | Terme Romane | Pineta Zerbi

Palazzi: Barbera | Albergo Belfanti Centralino | De Blasio | Del Bufalo | Fiaccadori | Palazzo Giuffrè | Palazzo Guarna | Miramare | Nervi | Pellicano | Poste | Prefettura | Romeo Retez | Spanò Bolani | Spinelli | Zani | Villa Genoese Zerbi


Nelle immediate vicinanze:
Museo nazionale della Magna Grecia | Bronzi di Riace | Lido comunale Zerbi


Stazioni ferroviarie: Centrale | Lido

Segui il Progetto Reggio Calabria
Reggio Calabria Portale Reggio Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Reggio Calabria