Luminismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Il luminismo è una forma di impressionismo o di neo-impressionismo in pittura, che dà un'importanza fondamentale alla luce ed ai suoi effetti.
Il termine fu creato per definire lo stile del pittore belga Émile Claus e degli artisti che ne seguirono le orme: Évariste Carpentier, Jenny Montigny, Anna de Weert, Georges Morren, Gustave De Smet, Frits van den Berghe, Didier Groffier, l'americano Fitz Henry Lane e altri ancora.

Esso indica, peraltro, anche la forma che assunse il divisionismo, e in particolare il puntinismo, nei pittori olandesi come Jan Toorop, Jan Stuijters e Piet Mondrian.

In realtà le due forme pittoriche hanno poco in comune. L'opera di Émile Claus è molto vicina a quella dei grandi impressionisti francesi, in particolare a Claude Monet, mentre il luminismo olandese, caratterizzato dall'uso di una vasta gamma di tinte, è assai più vicino al fauvismo.

N.B. Il luminismo impressionista non deve essere confuso con il luminismo seicentesco, che è una derivazione del Caravaggismo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura