Lumen fidei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lumen fidei
Lettera enciclica di Papa Francesco
Stemma di Papa Francesco
Anno 29 giugno 2013
Anno di pontificato I
Traduzione del titolo La luce della fede
Argomenti trattati Fede
Enciclica papale nº I
Enciclica precedente Caritas in veritate
Enciclica successiva -

Lumen fidei è la prima enciclica di papa Francesco, pubblicata il 29 giugno 2013, nell'anno della fede. Il testo della lettera enciclica è stato iniziato da papa Benedetto XVI durante il suo pontificato, poi consegnato al suo successore Francesco che ne ha esteso e firmato il lavoro.[1][2]

In essa viene affrontato il tema della fede, in continuità con le due precedenti encicliche di papa Benedetto XVI, Deus caritas est e Spe salvi, dedicate rispettivamente alla carità e alla speranza, chiudendo così la trilogia sulle virtù teologali.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

I papi Francesco e Benedetto XVI

L'enciclica consta di sessanta paragrafi, suddivisi fra un'introduzione (sette paragrafi) e quattro capitoli.

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

L'introduzione presenta il tema della fede vista come una luce che illumina e come una luce da "riscoprire".

Capitolo I: Abbiamo creduto all'amore[modifica | modifica wikitesto]

Il primo capitolo presenta la dinamica della fede attraverso il racconto biblico della storia della salvezza: da Abramo al popolo di Israele, fino al compimento della fede in Gesù e alla riflessione su di lui operata dagli scritti del Nuovo Testamento.

Capitolo II: Se non credete, non comprenderete[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo capitolo mette a tema il rapporto tra fede e verità, amore e ragione: il pontefice sostiene non esserci contrapposizione tra fede e ragione, ma reciproco arricchimento.

Capitolo III: Vi trasmetto quello che ho ricevuto[modifica | modifica wikitesto]

Il terzo capitolo presenta gli strumenti con cui suscitare e far crescere la fede: innanzitutto la comunità dei credenti, cioè la Chiesa; inoltre il battesimo e gli altri sacramenti; infine la preghiera del Padre nostro e il decalogo.

Capitolo IV: Dio prepara per loro una città[modifica | modifica wikitesto]

L'ultima parte dell'enciclica presenta la rilevanza della fede rispetto ad alcuni temi della vita sociale: il bene comune, la famiglia, la società, la sofferenza.

Conclusione[modifica | modifica wikitesto]

L'enciclica termina con una riflessione e una preghiera rivolta a Maria, indicata come modello per ogni credente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Mazza, «Lumen fidei»: ecco la prima enciclica, iniziata da Ratzinger in Avvenire, 2 luglio 2013. URL consultato il 6 luglio 2013.
  2. ^ Redazione, "Lumen fidei": la prima Enciclica di Francesco in La Stampa, 1 luglio 2013. URL consultato il 6 luglio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]