Luke Bryan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luke Bryan
Luke Bryan nel luglio 2010
Luke Bryan nel luglio 2010
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Country
Periodo di attività 2005 – in attività
Album pubblicati 8
Studio 3 (+5 EP)

Luke Bryan, nome d'arte di Thomas Luther (Leesburg, 17 luglio 1976[1]), è un cantautore statunitense. Bryan ha iniziato la sua carriera negli anni 2000 scrivendo canzoni per Travis Tritt e Billy Currington. Dopo aver cantato con la CapitolRecords a Nashville nel 2007, ha pubblicato il primo album I'll Stay Me, in cui sono inclusi i singoli All My Friends Say, We Rode in Trucks e Country Man. Il seguente album Doin' My Thing, include Do I, che Bryan ha co-scritto con Charles Kelley dei Lady Antebellum, e i singoli numero uno nella classifica country statunitense Rain Is a Good Thing e Someone Else Calling You Baby. L'album Tailgates & Tanlines viene rilasciato nel 2011 e contiene i singoli Country Girl (Shake It for Me), I Don't Want This Night to End e Drunk on You. Bryan ha co-scritto tutti i suoi singoli tranne Drunk on You ed ha co-prodotto tutti e i suoi tre album insieme a Jeff Stevens. Viene decretato da Billboard il ventiseiesimo miglior artista del 2012[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Luke Bryan è nato e cresciuto a Leesburg. All'età di quattordici anni i suoi genitori gli hanno compratato la sua prima chitarra, e dopo aver imparato a suonarla si è unito a varie band locali ed ha iniziato a suonare per locali[1]. Dopo il diploma alla Lee Country High School, Bryan ha deciso di spostarsi a Nashville; tuttavia, il viaggio è stato rimandato a causa della morte di suo fratello Chris, avvenuta lo stesso giorno in cui era programma la partenza di Bryan. Sì laurea alla Georgia Souther University, e diviene membro della confraternita dei Sigma Chi[3]. Dopo la laurea Bryan è andato a lavorare con suo padre, finché suo padre non lo ha incoraggiato a trasferirsi a Nashville nel 2001, dove poi è riuscito a firmare un contratto discografico dopo solo due mesi.[4]

I'll Stay Me (2007-2008)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi trasferito a Nashville, trova lavoro come cantautore nei due mesi successivi[1]. Tra i suoi primi pezzi c'era la traccia dell'album My Honky Tonk History di Travis Tritt del 2004.[5] Un rappresentante dell'A&R della Capitol Records, dopo aver visto Bryan esibirsi in un locale, gli propone un contratto discografico. Nel frattempo, Bryan co-scrive il singolo di Billy Currington Good Directions, che arriva alla posizione numero uno della classifica country americana.[6] Bryan pubblica il primo singolo del suo album di debutto il 22 gennaio 2007. Il singolo è co-scritto da Bryan e il produttore Jeff Stevens ed è arrivato alla posizione numero 5 della classifica country americana. L'album di debutto di Bryan, contenente il singolo di debutto, viene pubblicato dalla Capitol Records il 14 agosto 2007.[7] Bryan ha scritto e co-scritto tutte le tracce del suo album, tranne una. Il secondo singolo estratto dall'album, We Rode in Trucks, è arrivato alla posizione numero 33 della classifica country americana, mentre il terzo singolo, Country Man ha raggiunto la decima posizione.

Doin' My Thing (2009-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2009, viene pubblicato esclusivante su iTunes l'EP Spring Break With All My Friends, che contiene due collaborazioni e una versione acustica del brano All My Friends Say. Dopo l'EP, viene pubblicato il singolo Do I, che anticipica l'uscita del secondo album di Bryan, Doin' My Thing. La canzone è stata scritta da Charles Kelley e Dave Haywood dei Lady Antebellum, la cui cantante Hillary Scott ha prestato la sua voce nel brano.[8] I due singoli successivi pubblicati dall'album, Rain Is a Good Thing e Someone Else Calling You Baby, sono stati co-scritti da Bryan, Dallas Davidson e Jeff Stevens ed hanno raggiunto entrambi la posizione numero uno nella classifica country americana.Nell'album è contenuta una cover dei OneRepublic, Apologize.[9].

Tailgates & Tanlines (2011-presente)[modifica | modifica wikitesto]

il 14 marzo 2011 Bryan pubblica per le radio suo settimo singolo, Country Girl (Shake It for Me). Che è co-scritto da Bryan e Devidson. Il singolo anticipa l'uscita del terzo album in studio Tailgates & Tanlines, che è stato pubblicato il 13 agosto 2011. L'album ha debuttato alla numero uno della classifica degli album country americana ed alla numero due della classifica degli album. Country Girl (Shake It for Me ha raggiunto la posizione numero quattro della classifica country americana e la ventidue della classifica della classifica dei singoli. Bryan ha co-scritto anche il secondo singolo dell'album, I Don't Want This Night to End, insieme a Devidson, Rhett Akins e Ben Hayslip. All'inizio del 2012 il singolo raggiunge la numero uno della classifica country americana. Drunk on You il terzo singolo estratto dall'album, raggiunge la posizione numero 57 nella classifica country americana. Il 6 marzo 2012, bryan pubblica il suo quarto EP intitolato Spring Break 4 ... Suntan City. Insieme alla traccia omonima, che è stata co scritta da Bryan, Dallas Devidson, Rhett Akins e Ben Hayslip, L'EP include Spring Breakup,Little Bit Later On e Shake the Sand.[10] Il quarto singolo estratto dall'album, Kiss Tomorrow Goodbye, è stato pubblicato in radio il 6 agosto 2012.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Bryan si è sposato con Caroline Boyer l'8 dicembre 2006. La coppia ha dato il benvenuto al loro primo figlio, Thomas Boyer, il 18 marzo 2008.[11] Il loro secondo figlio, Tatum Christopher, è nato l'11 agosto del 2010. [12]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Luke Bryan.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Luke Bryan in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ News - Events, Festivals, Concert Reviews, Shows - Page 1 | Billboard
  3. ^ (EN) Luke Bryan : Biography, CMT.com, 1/09/2001. URL consultato il 25/08/2012.
  4. ^ Luke Bryan : Biography, CMT.com, 1/09/2012. URL consultato il 10/10/2012.
  5. ^ Tom Lounges, This Georgian just peachy to country fans in Munster (Indiana) Times, 31 agosto 2007. URL consultato il 7 settembre 2007.
  6. ^ Edward Morris, Luke Bryan Celebrates No. 1 for Billy Currington Hit Singer-Songwriter Grabs Spotlight for "Good Directions" in CMT, 17 luglio 2007. URL consultato il 19 febbraio 2012.
  7. ^ Thom Jurek, I'll Stay Me review in Allmusic. URL consultato il 19 febbraio 2012.
  8. ^ Charles & Dave Co-Writers On Luke Bryan's New Single, Hillary Sings Background Vocals in ladyantebellum.com, 22 aprile 2009. URL consultato il 28 aprile 2009.
  9. ^ Stephen Thomas Erlewine, Doin' My Thing review in Allmusic. URL consultato il 19 febbraio 2012.
  10. ^ Luke Bryan's Spring Break 4 EP Due March 6. CMT.com. February, 17 2012. Retrieved March 6, 2012.
  11. ^ Eileen Finan, Country Star Luke Bryan Welcomes a Baby Boy, People.com, 18 marzo 2008. URL consultato il 25/08/2012.
  12. ^ Eileen Finan, Luke Bryan Welcomes Son Tatum Christopher, People.com, 11 agosto 2010. URL consultato il 25/08/2012.

Controllo di autorità VIAF: 2255788 LCCN: no2007107655