Luisa Roldán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luisa Roldán: San Ginés de la Jara (Los Angeles, Getty Museum)

Luisa Roldán, conosciuta come La Roldána (Siviglia, 8 settembre 1652Madrid, 10 gennaio 1706), è stata una scultrice spagnola, esponente del barocco andaluso ed eminente artista della corte di Carlo II e di Filippo V. Era figlia di Pedro Roldán.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Luisa era figlia del celebre scultore sivigliano Pedro Roldán e di Teresa de Jesús Ortega y Villavicencio. Adolescente, entrò nella bottega paterna, dove apprese le basi del mestiere. Al termine del periodo di formazione, sposò contro il volere paterno lo scultore Luís Antonio de los Arcos (1671).

Dopo aver realizzato i primi lavori nella città natale, si recò a Cadice, rimanendovi per due anni. Per la cattedrale di questa città, la scultrice scolpì attorno al 1686 le statue lignee policrome di San Servando e San Germano, due delle sue opere più conosciute. Nel 1689 si recò a Madrid in cerca di miglior fortuna economica. Grazie alla protezione di don Cristóbal de Ontañon, ottenne di essere presentata alla corte di re Carlo II. Il sovrano vide alcune delle opere che la Roldán aveva portato con sé e manifestò un vivo entusiasmo, commissionandole un San Michele per l'Escorial. Pienamente soddisfatto del risultato, la nominò "scultrice di Camera" nel 1692, assicurandole il modesto stipendio di cento ducati ma anche la definitiva affermazione artistica.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Fonte[modifica | modifica sorgente]

  • José Luis Morales y Marin, Barocco e Rococò, Novara, De Agostini, 1991, pp. 198-199

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]