Luisa Maria del Palatinato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Louise Holladine

Luisa Hollandina del Palatinato (18 aprile 162211 febbraio 1709) era una delle figlie di Federico V Elettore Palatino ed Elisabetta Stuart.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

I nonni paterni di Luisa Maria erano Federico IV Elettore Palatino e sua moglie la Contessa Luisa Giuliana di Nassau. I nonni materni erano Giacomo I d'Inghilterra e sua moglie Anna di Danimarca. Giacomo era figlio di Maria Stuart, regina di Scozia ed Henry Stuart, Lord Darnley.

Dipinti[modifica | modifica sorgente]

Luisa Maria era un ritrattista di talento e artista grafico, un talento che condivise con suo fratello il Principe Rupert. Fu allieva di Giuliano Periccioli, senese e Gerard van Honthorst e dipingeva con tanta abilità nel suo stile che alcune delle sue opere sono state attribuite a lui. Per lo sgomento della sua famiglia protestante, si convertì alla fede cattolica e si rifugiò in Francia. Con il sostegno di Luigi XIV di Francia, fu poi badessa del convento Maubuisson.

La principessa è considerata un "dilettante". I suoi ritratti sono spesso nello stile barocco di Honthorst, ma ci sono delle eccezioni, che non sono stati probabilmente commissionati. Alcuni suoi lavori sono stati mantenuti all'interno della sua famiglia, e alcuni si trovano in musei tedeschi

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Louisa Maria del Palatinato Padre
Federico V Elettore Palatino
Nonno paterno:
Federico IV Elettore Palatino
Bisnonno paterno
Luigi VI Elettore Palatino
Bisnonna paterna
Elisabetta d'Assia
Nonna paterna:
Louise Juliana von Orange-Nassau
Bisnonno paterno
Guglielmo il Taciturno
Bisnonna paterna:
Carlotta di Borbone-Montpensier
Madre
Elisabetta Stuart
Nonno materno:
Giacomo I d'Inghilterra
Bisnonno materno
Henry Stuart, Lord Darnley
Bisnonna materna
Maria Stuart, regina di Scozia
Nonna materna
Anna di Danimarca
Bisnonno materno
Federico II di Danimarca
Bisnonna materna
Sofia di Meclemburgo-Güstrov

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79270611 LCCN: n82244653