Luisa Amatucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luisa Amatucci (Napoli, 13 novembre 1971) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nipote e omonima anagrafica dell'attrice Isa Danieli, nel 1979 debutta in teatro nella commedia Amore e magia nella cucina di mamma, scritta e diretta da Lina Wertmüller[1] che la dirigerà anche all'esordio cinematografico nel film Io speriamo che me la cavo (1992). Nel 1983 recita sotto la direzione di Eduardo De Filippo in Bene mio, core mio.

Nel 1992 oltre ad esordire nel cinema, appare per la prima volta in televisione nella miniserie tv Assunta Spina, regia di Sandro Bolchi.

Nel 1996 è tra gli interpreti principali del film Ninfa Plebea, sempre per la regia di Lina Wertmüller. Nello stesso anno è protagonista insieme alla zia Isa Danieli della commedia di Annibale Ruccello Ferdinando, che lascia per entrare nel cast della soap opera di Rai 3 Un posto al sole, in cui interpreta il ruolo di Silvia Graziani, la migliore amica di Anna, interpretata da Samuela Sardo. Lascia il set due volte, nel 2000 e nel 2004, in concomitanza con la nascita dei figli Lorenzo e Giuliana, avuti con il compagno Gianni Netti. Oltre a lavorare nella soap opera di Rai 3, continuerà a recitare in teatro, ma non così intensamente come in precedenza.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Debutto con "Amore e magia nella cucina di mamma". URL consultato il 21-12-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]