Luis Cubilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luis Cubilla
Cubilla 1966.jpg
Luis Cubilla nel 1966
Dati biografici
Nome Luis Alberto Cubilla Almeida
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 170 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1976 - giocatore
2007 - allenatore
Carriera
Giovanili
195?-1957
1957
Colón de Paysandu
Penarol Peñarol
Squadre di club1
1958-1962 Penarol Peñarol 63 (14)
1962-1964 Barcellona Barcellona 16 (2)
1964-1968 River Plate River Plate 129 (31)
1969-1974 Nacional Nacional 120 (39)
1975 Santiago Morning Santiago Morning 31 (4)
1976 Defensor Defensor  ? (?)
Nazionale
1959-1974 Uruguay Uruguay 38 (11)
Carriera da allenatore
1979-1980 Olimpia Olimpia
1980 Newell's O. B. Newell's O. B.
1981 Penarol Peñarol
1982 Olimpia Olimpia
1983 Atletico Nacional Atlético Nacional
1984 River Plate River Plate
1988-1993 Olimpia Olimpia
1990-1993 Uruguay Uruguay
1994 Racing Club Racing Club
1995-2002 Olimpia Olimpia
2003 Talleres Talleres
2005 Comunicaciones Comunicaciones
2007 Barcelona SC Barcelona SC
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luis Alberto Cubilla Almeida (Paysandú, 28 marzo 1940Asunción, 3 marzo 2013) è stato un allenatore di calcio e calciatore uruguaiano, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato El negro,[1] è morto nel 2013 all'età di 72 anni a seguito di un tumore allo stomaco.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ala destra, membro della Nazionale uruguaiana tra gli anni sessanta e settanta, Cubilla cresce calcisticamente nella squadra della sua città natale, il Colón de Paysandu.

Nel 1958 passa al Peñarol, con cui vince quattro titoli nazionali consecutivi (dal 1958 al 1961), due Coppe Libertadores (le prime due edizioni del 1960 e del 1961) e una CCoppa Intercontinentale (1961).

L'exploit in patria gli vale la chiamata in Nazionale per i Mondiali di Cile '62: Cubilla segna un gol (nella prima partita contro la Colombia) su 2 presenze, con l'Uruguay che esce al primo turno.

Luis Cubilla in azione con la maglia del River Plate

Dopo i mondiali Cubilla tenta l'avventura in Europa, al Barcellona: coi blaugrana disputa due stagioni e vince la Copa del Generalísimo (poi Coppa del Re) nel 1963. Nel 1964 passa al River Plate, quindi, cinque anni dopo, Cubilla fa rientro in patria, indossa stavolta la maglia dell'altra grande di Montevideo, il Nacional, con cui vince subito il campionato.

Nel 1970 viene convocato dal commissario tecnico della Mazionale uruguaiana Juan Hohberg per i Mondiali in programma in Messico, in cui gioca 5 partite con un gol e la Celeste coglie il quarto posto.

Gli anni a seguire saranno pieni di successi per i Cubilla, che con il Nacional può, da protagonista, aggiungere alla propria bacheca nazionale altri tre titoli uruguaiani consecutivi (dal 1970 al 1972), una Coppa Libertadores e una Coppa Intercontinentale (conquistate ambedue nel 1971), nonché la Coppa Interamericana nel 1972.

Nel 1974 Cubilla prende parte ai Mondiali di Germania Ovest, dove ottiene 2 presenze, mentre l'Uruguay viene eliminato al primo turno. Al termine della rassegna iridata lascia definitivamente la Nazionale.

Intanto, dopo i trionfi in patria col Nacional, Cubilla, in chiusura di carriera, passa a giocare coi cileni del Santiago Morning, mentre nel 1976 torna in Uruguay, al Defensor (poi Defensor Sporting): da capitano[senza fonte] vince il titolo nazionale. Cubilla diviene così il primo calciatore ad aver vinto la Primera División Uruguaya con tre squadre diverse.

Al termine della stagione 1976 Cubilla decide di ritirarsi dall'attività agonistica, tentando l'avventura di allenatore.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La carriera da tecnico per Cubilla inizia nel 1979, coi paraguaiani dell'Olimpia Asunción. In due anni conduce i bianconeri a vincere su ogni fronte, conquistando Coppa Libertadores, Coppa Intercontinentale, Coppa Interamericana e campionato paraguaiano.

Dopo una parentesi in Argentina, al Newell's Old Boys, Cubilla si siede nel 1981 sulla panchina del Peñarol, con cui vince il titolo nazionale. Nel 1982 è di nuovo all'Olimpia, con cui conquista un altro titolo paraguaiano. Nel 1983 va in Colombia, all'Atlético Nacional di Medellín: anche qui Cubilla si aggiudica il campionato colombiano.

Nel 1984 allena gli argentini del River Plate, poi si concede alcuni anni di pausa. Riparte nel 1988, ancora una volta all'Olimpia di Asunción, dove apre nuovamente un ciclo di vittorie: tre titoli paraguaiani, una Recopa Sudamericana e una nuova Coppa Libertadores nel 1990, quando gli viene oltretutto conferito il riconoscimento di allenatore sudamericano dell'anno.

Nel 1990 l'AUF gli conferisce l'incarico di allenare la Nazionale uruguaiana alla Copa América 1991 in Cile: l'Uruguay viene eliminato al primo turno per la peggior differenza reti nei confronti di Brasile e Colombia. Confermato sulla panchina della Celeste, guida l'Uruguay anche nella successiva edizione in Ecuador nel 1993: stavolta l'Uruguay supera il primo turno; l'avventura termina ai quarti contro la Colombia, che ha la meglio ai tiri di rigore.

Alla fine della stagione 1993 Cubilla lascia momentaneamente l'Olimpia, e, dopo una parentesi con gli argentini del Racing Club Avellaneda, torna ai bianconeri di Asunción nel 1995. In otto stagioni conquista altri quattro campionati paraguaiani e la Recopa Sudamericana nel 2003, anno in cui lascia di nuovo l'Olimpia.

Dopo una parentinesi, nel 2005 coi guatemaltechi del Comunicaciones, nel 2007 Cubilla ha firmato come allenatore degli ecuadoriani del Barcelona di Guayaquil.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Da giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Peñarol: 1958, 1959, 1960, 1961
Nacional: 1969, 1970, 1971, 1972
Defensor: 1976
Barcellona: 1962-1963
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Peñarol: 1960, 1961
Nacional: 1971
Peñarol: 1961
Nacional: 1971
Nacional: 1971

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1973

Da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Olimpia Asunción: 1979, 1982, 1988, 1989, 1990, 1995, 1997, 1998, 1999
Peñarol: 1981
Atlético Nacional: 1983
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Olimpia Asunción: 1979, 1990
Olimpia Asunción: 1979
Olimpia Asunción: 1979
Olimpia Asunción: 1990
Olimpia Asunción: 1991, 2003

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1990

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Uruguay in lutto: morto Cubilla sportmediaset.mediaset.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]