Luigi Menti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Menti
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo mezzala
Ritirato 1969
Carriera
Giovanili
ACIVI Vicenza ACIVI Vicenza
Squadre di club1
1952-1953 ACIVI Vicenza ACIVI Vicenza 1 (0)
1953-1957 L.R. Vicenza L.R. Vicenza 22 (2)
1957-1958 Padova Padova 1 (0)
1958-1969 L.R. Vicenza L.R. Vicenza 291 (18)
Carriera da allenatore
1971-1973 Legnago Legnago [1][2]
1974-1975 Thiene Thiene [3]
1978-1979 Monopoli Monopoli [4]
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luigi Menti (Vicenza, 1º ottobre 1934Vicenza, 11 dicembre 2013) è stato un calciatore italiano che ha giocato come mezzala.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nipote dei grandi Romeo e Umberto, essendo figlio di un loro fratello e per questo spesso indicato nelle cronache calcistiche come Menti IV (il terzo della grande dinastia del calcio vicentino aveva giocato a livello di dilettanti con la Pellizzari Arzignano), giocò per tutta la carriera al Vicenza, tranne una breve parentesi al Padova. Venne soprannominato bagolina, nome usato per indicare il bastone da passeggio.

Esordì con la maglia biancorossa nel campionato di Serie B il 22 marzo 1953 in un periodo nero per la società berica, che rischiava sia dal punto di visto sportivo la retrocessione in Serie C, sia dal punto di vista societario per l'entità dei debiti. Nel giugno seguente avvenne la nota fusione con la Lanerossi dando così vita al Lanerossi Vicenza. In tre stagioni disputate fra i cadetti Menti collezionò solo 8 partite, anche per il fatto che allora non erano ancora ammesse le sostituzioni.

Tuttavia raccolse grandissime soddisfazioni con la Primavera, vincendo per due anni consecutivi, nel 1954 e nel 1955 il prestigioso Torneo di Viareggio. Solo con l'approdo in Serie A incominciò a giocare con maggior continuità, anche se poi seguirono due campionati quasi completamente a secco: nel 1956-57 una sola presenza contro la Juventus, mentre nel 1957-58 passò in prestito al Padova[5], con cui ancora giocò una sola gara.

Tornato a Vicenza nel 1958, fu quello l'anno in cui si impose come titolare fisso, disputando 30 gare e segnando 6 reti. Va subito in rete alla prima di campionato, ma l'inizio per il Lanerossi è nero: il riscatto verso un buon settimo posto avviene alla sesta di campionato contro il Milan. Menti, schierato in quel periodo all'ala destra, va in rete e alla fine riceve i complimenti del suo idolo da ragazzo, Nils Liedholm, che siede sulla panchina rossonera. Menti continua a giocare al Vicenza conservando il posto da titolare, nonostante le offerte allettanti della Roma nel 1960 e della Juventus nel 1961, nella quale aveva militato anche lo zio Umberto.

Rimane fra i titolari fino al 1967, vivendo le migliori annate del Lanerossi, con il sesto posto del 1964 e del 1966. Lascia il calcio nel 1969, alle soglie dei 35 anni, dopo aver vestito per 314 volte la maglia del Vicenza in campionato (secondo solo a Giulio Savoini che conta 3 presenze in più), di cui ben 308 in massima serie (record assoluto, dal momento che Savoini giocò due campionati di B da titolare). Muore all'età di 79 anni a Vicenza[6].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

L.R. Vicenza: 1954-1955

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1972, edizioni Panini, pag. 311
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1973, edizioni Panini, pag. 312
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1975, edizioni Panini, pag. 323
  4. ^ Almanacco illustrato del calcio 1980, edizioni Panini, pag. 294
  5. ^ Le liste di trasferimento 1957-58, Il Corriere dello Sport, 30 agosto 1957, pag.3
  6. ^ Si è spento Gigi Menti

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Luigi Menti in Enciclopediadelcalcio.it, 2011.