Luigi Günther II di Schwarzburg-Rudolstadt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Günther II
Luigi Günther II di Schwarzburg-Rudolstadt
Luigi Günther II di Schwarzburg-Rudolstadt
Principe di Schwarzburg-Rudolstadt
Nascita Rudolstadt, 22 ottobre 1708
Morte Rudolstadt, 29 agosto 1790
Casa reale Casato di Schwarzburg
Padre Luigi Federico I, Principe di Schwarzburg-Rudolstadt
Madre Anna Sofia di Sassonia-Gotha-Altenburg
Consorte Sofia Enrichetta Reuss di Untergreiz

Luigi Günther II di Schwarzburg-Rudolstadt (anche noto come Luigi Günther IV; Rudolstadt, 22 ottobre 1708Rudolstadt, 29 agosto 1790) fu il regnante Principe di Schwarzburg-Rudolstadt dal 1767 fino alla sua morte.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Luigi Günther II of Schwarzburg-Rudolstadt era il più giovane dei figli maschi del Principe Luigi Federico I e di sua moglie Anna Sofia di Sassonia-Gotha-Altenburg. Il Principe Luigi Günther crebbe come il tredicesimo e più giovane dei figli, tra sette sorelle e tre fratelli a Rudolstadt (due sorelle erano già morte prime della sua nascita).

Cominciò i suoi studi nel 1722 a Utrecht. Seguì un soggiorno a Ginevra nel 1723 per ritornare poi a Utrecht. A causa di problemi di salute, Luigi Günther si recò in Italia nel 1724, dove egli poteva ammirare il patrimonio artistico del paese. Il viaggio si concluse nel 1725 con visite a Ginevra e Berna.

Luigi Günther fu anche al servizio dell'Austria tra il 1726-1731 come colonnello a Milano, ma problemi all'orecchi posero fine alla sua carriera militare. Tra il 1722 ed il 1731, egli visitò Rudolstadt soltanto due volte.

Nel 1767, Luigi Günther ereditò il principato di Schwarzburg-Rudolstadt aall'età di 59 anni. La maggior parte attività del governo erano trattate dal suo Cancelliere, Christian Ulrich von Ketelhodt, con il cui ebbe un buon rapporto di lavoro. Si potrebbe dire che il Cancelliere era de facto reggente. Il principe aveva varie occupazioni, tra le altre cose, era molto entusiasta dei cavalli.

Nel 1784, Luigi Günther accordò una concessione di traccia a tre famiglie ebree di Dessau, creando così le basi per la comunità ebrea in Rudolstadt.[1]

Quando nacque, Luigi Günther II era quarto nella linea di successione, slittando a secondo posto nel 1726 a causa della morte di due dei suoi fratelli maggiori. Tra il 1734 ed il 1741, un palazzo barocco chiamato Castello di Ludwigsburg fu costruito per lui sotto il Castello di Heidecksburg.

Dopo che suo nipote il Principe Giovanni Federico morì nel 1767, si trasferì su dal castello di Ludwigsburg al Castello di Heidecksburg. Successivamente Ludwigburg funse da scuola d'arte principesca e ospitò la collezione di storia naturale di proprietà del Principe Ereditario Federico Carlo e la collezione di monete che lo stesso Luigi Günther aveva cominciato nel 1738. Sua madre, che possedeva una raccolta di rarità lei stessa, aveva suscitato la sua passione per il collezionismo. Gli era stata mostrata la collezione di monete di suo zio, il Duca Federico II di Sassonia-Gotha-Altenburg durante una visita a Gotha. Questa collezione, che era stata ampliata nel 1712 con l'acquisto della collezione del principe Antonio Günther II di Schwarzburg-Sondershausen, che fu tra i più importanti collezioni di monete nel XVIII secolo e comprendeva una raccolta differenziata di oltre 600 medaglioni bratteati medievali. Luigi Günther trasferì la sua collezione di monete del castello Heidecksburg e la ampliò ulteriormente ampliato con altri acquisti. Nel 1776, egli archiviò la sua collezione. Tuttavia, i suoi successori ebbero poco interesse per la raccolta e vendettero alcuni pezzi dei 1.919 che attualmente ammontano a 1.710 reperti che fanno parte di una raccolta di 5.000 pezzi della collezione di monete oggi di Heidecksburg.[2][3]

Nel 1778, Luigi Günther II fondò una biblioteca di corte nell'ala ovest del Castello di Heidecksburg, gettando così le basi per la Biblioteca Palazzo che oggi contiene circa 7000 volumi.[4] In aggiunta al portafoglio di opere che principe aveva portato dall'Italia, egli acquistò anche opere d'arte da artisti di fama. Lo studioso Friedrich Karl Gottlob Hirsching sottolinea nel suo Descrizioni delle biblioteche tedesche la che vale la pena di vedere" del 1786 che il principe ha arricchito la sua biblioteca con una collezione di buon gusto di diverse migliaia di incisioni, tra cui alcuni di William Hogarth.[5]

Luigi Günther II morì il 29 agosto 1790 e fu succeduto come principe regnante da suo figlio Federico Carlo.

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Luigi Günther II sposò il 22 ottobre 1733 a Greiz la Contessa Sofia Enrichetta Reuss-Untergreiz (1711-1771). Ebbero quattro figli:

  • Federica Sofia (1734-1734)
  • Cristiana Federica (1735-1738)
  • Federico Carlo (1736-1793), suo successore
  • Cristiano Ernesto (1739-1739)

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Die Fürsten von Schwarzburg-Rudolstadt, Thüringer Landesmuseum Heidecksburg, Rudolstadt, 1997 (3rd ed., 2001), ISBN 3-910013-27-9
  • Johann Christian August Junghans: Geschichte der schwarzburgischen Regenten, Leipzig, 1821, Online
  • Heinrich Friedrich Theodor Apfelstedt: Das Haus Kevernburg-Schwarzburg von seinem Ursprunge bis auf unsere Zeit: dargestellt in den Stammtafeln seiner Haupt- und Nebenlinien und mit biographischen Notizen über die wichtigsten Glieder derselben, Bertram, Sondershausen, 1890, ISBN 3-910132-29-4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Thüringer Landesmuseum in Heidecksburg - Regional Historic Collection, viewed on 9 October 2011
  2. ^ Doreen Winker: Die Münz- und Medaillensammlung, viewed on 9 October 2011
  3. ^ "Coin collection" at the Heidecksburg Residence
  4. ^ "Palace Library" at the Heidecksburg Residence, viewed on 9 October 2011
  5. ^ Thüringer Landesmuseum in Heidecksburg - Graphiscal Collection, viewed on 9 October 2011