Luigi Berti (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Berti (Rio Marina, 1904Milano, 1964) è stato uno scrittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Rio Marina, paese natale di Berti e ambientazione di molti suoi lavori

Nasce nel Paese di Rio Marina, all'Isola d'Elba, nel 1904 da una famiglia di antica tradizione marinaresca (erano infatti navigatori e armatori). Studiò all'Istituto Nautico di Genova, sezione capitani, e poi navigò nel Mediterraneo su navi di famiglia.

Con lo sviluppo della navigazione a vapore quella velica cominciò a soccombere soprattutto con la fine della prima guerra mondiale, dovette così assistere alla scomparsa del piccolo e grande cabotaggio elbano e la crisi della conduzione di famiglia.

Si trasferì a Firenze dove studiò e si laureò in lettere e filosofia. Sempre a Firenze nel 1946 fondò con Renato Poggioli la rivista "Inventario", sulla quale pubblicarono alcuni degli autori più importanti della letteratura e della critica internazionale, da Ungaretti a Neruda, da Thomas Eliot a Quasimodo, a Nabokov, a Pasternak. Successivamente si trasferì a Milano. Nel 1961 vince il Premio di poesia Vann'Antò, indetto dall'Università di Messina, mentre nel 1962 pubblica il suo romanzo più importante: Tramonto sull'Elba. È autore di numerose traduzioni di autori inglesi e americani, tra cui Herman Melville, William Thackeray, Thomas Eliot, Robert Penn Warren.

Morì improvvisamente nel febbraio del 1964 a Milano. Un anno dopo Salvatore Quasimodo cura la pubblicazione della sua opera di poesia: Calignarmata.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Oltre all'esperienza giornalistica dell'"Inventario" Berti si dedicò alla critica, alla poesia e alla narrativa.

Riguardo alla critica pubblicò:

  • Boccaporto (1940)
  • Foscolo traduttore di Sterne (1942)
  • Boccaporto secondo (1944)
  • L'immaginismo (1944)
  • Storia della letteratura americana (1961) in quattro volumi.

Scrisse in poesia:

  • Lettera ai Castelli dell'Agave (1953), che vinse il Premio Soave
  • Elegia Elbana (1955)
  • Le torri dei giorni (1960)
  • Calignarmata (1965) a cura di Salvatore Quasimodo (postumo)

Di Narrativa:

  • Storie di Rio (1959)
  • Tramonto sull'Elba (1962)
  • La società del garofano rosso (1966), pubblicato postumo

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Berti, Tramonto sull'Elba, Editrice Ceschina, 1962 Milano