Luigi Augusto di Sassonia-Coburgo-Kohary

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principe Luigi Augusto
Pes 18339.jpg
Principe di Sassonia-Coburgo e Gotha
Duca in Sassonia
Nome completo (DE) Ferdinand Philipp Maria August Raphael
Nascita Castello d'Eu, 8 agosto 1845
Morte Karlsbad, 14 settembre 1907
Luogo di sepoltura Chiesa di Sant'Agostino, Coburgo
Padre Principe Augusto di Sassonia-Coburgo e Gotha
Madre Principessa Clementina d'Orléans
Consorte Principessa Leopoldina del Brasile
Figli Principe Pietro
Principe Augusto Leopoldo
Principe Giuseppe Ferdinando
Principe Luigi Gastone

Luigi Augusto Maria Oddone di Sassonia-Coburgo e Gotha (Castello d'Eu, 8 agosto 1845Karlsbad, 14 settembre 1907) settimo principe di Kohary, divenne ammiraglio della Marina Imperiale Brasiliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Augusto nacque al Castello d'Eu, figlio di Augusto di Sassonia-Coburgo-Kohary e di Clementina d'Orléans.

Trascorse la sua infanzia tra la corte di suo nonno, il re Luigi Filippo d'Orléans, quella del Belgio, il ducato di Sassonia-Coburgo-Gotha e i possedimenti della famiglia di suo padre in Austria-Ungheria. Durante uno dei suoi viaggi in Francia, il giovane principe partecipò anche alla rivoluzione del 1848 che pose fine alla monarchia e obbligò la famiglia reale a fuggire nel Regno Unito.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

All'età di sedici anni entrò nell'accademia navale. Trascorse tre mesi a Trieste prima di imbarcarsi su una nave.

Nel 1863, Augusto era a bordo della fregata Novara, quando il suo nome e quello di suo fratello maggiore vennero menzionati dalle maggiori potenze europee, nel caso di elezione al trono di Grecia, ma a causa della sua fede venne scelto Guglielmo di Danimarca, che salì al trono con il nome di Giorgio I.

Nel febbraio 1864, Augusto passò il suo esame navale e raggiunse il grado di tenente. Successivamente partecipò, poco dopo, alla guerra dei ducati danesi, che vedeva opposte Vienna e Berlino a Copenaghen, nella lotta per il possesso dello Schleswig-Holstein.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1860, l'imperatore Pietro II del Brasile, che non aveva un erede maschio, era alla ricerca dei potenziali sposi per le sue figlie, le principesse Isabella e Leopoldina, per assicurarsi la successione. Prendendo in considerazione le corti europee, chiese alla sorella, la principessa di Joinville, e il marito di quest'ultima, dei consigli su dei potenziali pretendenti. Di tutti i nomi che gli vengono proposti, la prima scelta dell'imperatore fu suo nipote, il duca di Penthièvre e a Filippo del Belgio. Ma i due giovani rifiutano la proposta e infine si rivolse al principe Augusto e a suo cugino, Gastone d'Orléans.

A differenza dei loro cugini, loro accettaro la proposta. Tuttavia, Pietro II si mostrò categorico e disse che si rifiuta di far sposare alle sue figlie senza chiedere il loro parere. Dopo molte esitazioni, i due cugini si imbarcarono a Lisbona per il continente sudamericano nel mese di agosto 1864 e arrivano a Rio de Janeiro il 2 settembre.

Lo stesso giorno, incontrarono la famiglia reale al palazzo di San Cristoforo. Nei giorni successivi Pietro II capì che la figlia maggiore avrebbe preferito sposare Gastone mentre la più giovane avrebbe sposato Augusto.

Il 18 settembre venne annunciato il fidanzamento con la principessa Leopoldina, mentre il conte di Eu fece lo stesso con la principessa Isabella.

Leopoldina del Brasile.

Luigi Augusto e Leopoldina si sposarono a Rio de Janeiro il 15 dicembre 1864, due mesi dopo le nozze di Gastone con Isabella.

Ebbero quattro figli:

Nel contratto stipulato c'era scritto che la coppia doveva risiedere una parte dell'anno in Brasile e se Leopoldina fosse rimasta incinta prima della sorella, i suoi figli devono nascere in territorio brasiliano.

Nell'esercito brasiliano[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il matrimonio, Luigi Augusto venne nominato ammiraglio della flotta brasiliana. Nel maggio 1865, allo scoppio della Guerra della triplice alleanza, il Brasile, insieme all'Argentina e all'Uruguay, combatté contro il Paraguay. Il principe Luigi Augusto entrò in guerra al fianco del suo patrigno e al fratello. Durante la campagna militare l'imperatore era soddisfatto del suo comportamento.

Tra il Brasile e l'Europa[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 maggio 1866, Luigi Augusto e Leopoldina tornarono al vecchioo continente. Visitarono i loro parenti nel Regno Unito, Belgio, Germania e Austria. Tuttavia, il ritorno del principe a Vienna, coincise con lo scoppio della guerra austro-prussiana. Per sfuggire ai conflitti e potenziali problemi, Luigi Augusto e la sua famiglia si trasferirono in Ungheria, dove i Sassonia-Coburgo-Kohary avevano dei possedimenti.

Una volta tornata la pace, Luigi Augusto, espresse il suo desiderio di stabilirsi in modo permanente in Austria, ma la nuova gravidanza di sua moglie, richiese la loro presenza in Brasile nel mese di luglio 1867.

Fondatore di una nuova dinastia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1869 la famiglia si trovava in Europa e quando vengono a sapere che Leopoldina è di nuovo incinta nei primi mesi del 1870, decise di non tornare in Brasile. Il 15 settembre nacque un figlio, Luigi, nel castello di Ebenthal, in Austria. Tuttavia questa nascita non fu felice come quella dei suoi fratelli maggiori. Leopoldina contrasse, infatti, il tifo poche settimane dopo la sua nascita e morì il 7 febbraio 1871.

Ormai vedovo, Luigi Augusto decise di non rompere i legami con il paese natale della defunta moglie. Si decise che i due figli maggiori avrebbero vissuto in Brasile mentre i due figli più piccoli avrebbero vissuto insieme a lui.

Vedovo[modifica | modifica wikitesto]

Tornato in Austria, Luigi Augusto affidò l'educazione dei suoi figli più giovani a sua madre, la principessa Clementina d'Orléans. Nel luglio 1872, iniziò con il fratello Filippo, un tour mondiale dalla durata di nove mesi, dove visitò, tra l'altro l'India e le Hawaii.

Crollo dell'Impero[modifica | modifica wikitesto]

Il colpo di Stato repubblicano brasiliano e le sue conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di agosto 1888, il Principe Giuseppe, il terzo figlio di Augusto, morto all'età di diciannove anni a causa di una grave infiammazione ai polmoni. Questo non fu però l'unica disgrazia che colpì i bambini del principe in quel momento.

Dal 1875, dopo diversi anni di infertilità apparente, la principessa Isabella ha infatti dato alla luce il suo primo figlio, che furono i primi rappresentanti della dinastia Orléans-Braganza.

Il 15 novembre 1889, un colpo di Stato militare rovesciò l'imperatore Pietro II e fu costretto all'esilio, insieme alla famiglia reale. Mentre attraversava l'Atlantico, il principe Pietro cominciò a manifestare i primi segni di una follia che continuerà a crescere nel corso dei mesi.

Poco dopo il suo arrivo in Portogallo, la famiglia imperiale è stata colpita da un'altra tragedia: l'imperatrice Teresa Cristina morì il 28 dicembre a Oporto.

La pazzia del principe Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pietro Augusto di Sassonia-Coburgo-Kohary.

Nel gennaio 1891, Luigi Augusto ottenere il permesso dell'imperatore Francesco Giuseppe I a iscrivere il suo secondo figlio nella marina austro-ungarica. In seguito mandò il suo primogenito a fare un viaggio in Europa, al fine di fargli dimenticare le vicende brasiliane. Tuttavia, Pietro è molto preoccupato per la situazione politica del suo paese, sprofondando nella depressione e tentando il suicidio. Di fronte a questa situazione, Luigi Augusto fece ricoverare il figlio in ospedale per malati di mente a Dubling, dove vi rimase fino alla sua morte nel 1934.

Ultimi anni e morte[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la caduta dell'Impero del Brasile, il principe Luigi Augusto reintegrò nella marina austro-ungarica. Passava la maggior parte della sua vita tra la sua proprietà di Schladming, nelle Alpi austriache, e Parigi, dove cercava di dimenticare il suo status di vedovo. Nel suo tempo libero andava a caccia e collezionava orologi. Inoltre compiva viaggi, tra cui in Bulgaria, dove il fratello minore, il principe Ferdinando, era stato eletto principe sovrano nel 1887.

Il 16 febbraio 1907, la principessa Clementina d'Orléans, la madre di Luigi Augusto, morì a Vienna, all'età di 90 anni. Molto colpito dalla perdita della madre, il principe gli sopravvive pochi mesi. Morì il 14 settembre seguente, a Karlsbad. In conformità con le sue ultime volontà, il cuore del principe viene imbalsamato e conservato in un'urna a Minas Gerais. Per quanto riguarda il suo corpo, esso è stato rivestito con l'uniforme da ammiraglio della marina brasiliana e sepolto accanto a quello di sua moglie, nella cripta della chiesa di S. Agostino a Cobourgo.

Ascedenza[modifica | modifica wikitesto]

Principe Luigi Augusto di Sassonia-Coburgo e Gotha Padre:
Principe Augusto di Sassonia-Coburgo e Gotha
Nonno paterno:
Principe Ferdinando di Sassonia-Coburgo e Gotha
Bisnonno paterno:
Francesco, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno paterno:
Ernesto Federico, Duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna paterna:
Sofia Antonia di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonna paterna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Trisnonno paterno:
Enrico XXIV, Conte Reuss di Ebersdorf
Trisnonna paterna:
Carolina Ernestina di Erbach-Schönberg
Nonna paterna:
Maria Antonia di Koháry
Bisnonno paterno:
Ferencz József Koháry de Csábrág
Trisnonno paterno:
Ignaz Koháry de Csábrág
Trisnonna paterna:
Maria Anna von Cavriani
Bisnonna paterna:
Maria Antonia di Waldstein-Wartenberg
Trisnonno paterno:
Giorgio Cristiano, Conte di Waldstein-Wartenberg
Trisnonna paterna:
Contessa Elisabeth Ulfeldt
Madre:
Principessa Clementina d'Orléans
Nonno materno:
Luigi Filippo I, Re dei Francesi
Bisnonno materno:
Luigi Filippo II, Duca d'Orléans
Trisnonno materno:
Luigi Filippo I, Duca d'Orléans
Trisnonna materna:
Principessa Luisa Enrichetta di Borbone
Bisnonna materna:
Principessa Luisa Maria Adelaide di Borbone
Trisnonno materno:
Luigi Giovanni Maria di Borbone, Duca di Penthièvre
Trisnonna materna:
Principessa Maria Teresa di Modena
Nonna materna:
Maria Amelia di Borbone-Napoli
Bisnonno materno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Trisnonno materno:
Carlo III di Spagna
Trisnonna materna:
Principessa Maria Amalia di Sassonia
Bisnonna materna:
Arciduchessa Maria Carolina d'Austria
Trisnonno materno:
Francesco I, Sacro Romano Imperatore
Trisnonna materna:
Maria Teresa d'Austria

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]