Luigi (abate di Saint-Denis)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi, oppure Ludovico in francese Louis (800 circa – 9 gennaio 867), nipote di Carlo Magno, fu abate di Saint-Denis[1] e cancelliere di Carlo il Calvo..

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio illegittimo primogenito di Rorgone I del Maine, conte di Rennes, di Le Mans e primo conte del Maine della famiglia dei Rorgonidi, e di Rotrude, figlia terzogenita di Carlo Magno e della principessa sveva, Ildegarda di Vintzgau[2][3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù fu compagno di studi di Lupo Servato, nell'abbazia di Ferrières.

Fu cancelliere di suo zio l'imperatore Ludovico il Pio e dopo la morte di quest'ultimo divenne cancelliere del re dei Franchi occidentali, suo cugino Carlo il Calvo, incarico che tenne sino alla sua morte[3]. Carlo il Calvo lo nominò abate di tre importanti abbazie: di Saint-Denis, già nell'840[3], di Saint-Riquier e di Saint-Wandrille de Fontenelle.

Nell'858, assieme al fratellastro, Goslino, abate a Saint-Germain-des-Prés[3], Luigi, come ricordano gli Annales Bertiniani, venne catturato dai Vichinghi[1], che li rilasciarono dopo il pagamento di un cospicuo riscatto.

Morì il 9 gennaio dell'869.[4]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Di Luigi non si conosce alcuna discendenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerhard Seeliger, "Conquiste e incoronazione a imperatore di Carlomagno", cap. XII, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 358-396.
  • René Poupardin, Ludovico il Pio, cap. XVIII, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, pp. 558-582.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]