Ludovico I Gonzaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Ludovico Gonzaga.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri Luigi Gonzaga, vedi Luigi Gonzaga (disambigua).
Ludovico I Gonzaga
Ritratto di Ludovico I Gonzaga

Ritratto di Ludovico I Gonzaga


Capitano del popolo di Mantova
Durata mandato 25 agosto 1328 –
18 gennaio 1360
Predecessore Rinaldo Bonacolsi
Successore Guido Gonzaga

Dati generali
Partito politico Ghibellini
Signori di Mantova
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga (1328-1389).svg

Ludovico I
Guido
Ludovico II
Figli
Francesco I
Gianfrancesco
Modifica

Ludovico I Gonzaga (Mantova, 1268Mantova, 18 gennaio 1360) , meglio conosciuto come Luigi (Luigi I o Luigi Corradi da Gonzaga), fu il primo capitano del popolo di Mantova e vicario imperiale del Sacro Romano Impero. Fu il fondatore della dinastia dei Gonzaga.

Ritratto di Ludovico I Gonzaga, Universitätsbibliothek Salzburg.
Stemma primitivo della famiglia Corradi-Gonzaga sino al 1328.
Domenico Morone, Cacciata dei Bonacolsi, (Mantova, Palazzo Ducale).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Uomo abilissimo militarmente e di ampie vedute, ricchissimo, era figlio di Guido (chiamato anche Corrado) (m. 1318) e nipote di Antonio (m. 1283). Nel 1313 venne nominato podestà di Modena da Rinaldo (Passerino) dei Bonacolsi, nel 1318 fu podestà di Mantova e nel 1319 di Parma.

Con l'appoggio del ghibellino Cangrande I della Scala, che aveva mire sulla città e che gli fornì fanti e cavalleria, contando sull'appoggio del genero Guglielmo Azzone Castelbarco[1], riuscì a spodestare Rinaldo Bonacolsi, il 16 agosto 1328, e a subentrargli quale capitano generale, con diritto di nominare il proprio successore. Il 25 agosto 1328 venne acclamato capitano generale del Comune e del popolo di Mantova. Nel 1329 fu nominato vicario imperiale da Ludovico il Bavaro e nel 1335 divenne signore di Reggio.

A sancire la sua fede ghibellina fu in questo periodo che Luigi mutò lo stemma primitivo della famiglia, costituito da tre montoni d'argento, cornati e squillati d'oro in campo nero nello stemma a tre fasce nere in campo d'oro (i colori politici dei ghibellini), che rimase sempre nello scudo della famiglia Gonzaga.[2]

Un decennio dopo non ricambiò il favore alla dinastia veronese: Mastino II della Scala, si alleò all'usurpatore Lodrisio Visconti, contro i due fratelli ed il nipote di quest'ultimo, rispettivamente Luchino, Giovanni ed Azzone, Signori di Milano; Ludovico partecipò inviando milizie in appoggio all'esercito ambrosiano, vincitore nella Battaglia di Parabiago (21 febbraio 1339).

Nel 1342 andò in soccorso dei pisani contro i fiorentini e nel 1349 accolse Francesco Petrarca, in visita alla tomba di Virgilio. Combatté contro Bernabò Visconti che per mesi prese d'assedio Castiglione, possedimento di confine dei Gonzaga.

Morì a Mantova nel 1360 e fu sepolto nella cattedrale di San Pietro.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Ebbe tre mogli e numerosi figli.

Da Richilda Ramberti (o Richelda/Richilde Ramberti) (1269-1319) di Ferrara, soprannominata "Brescianina" perché nativa di Brescia nacquero:

Da Caterina Malatesta (1275-?), figlia di Pandolfo I Malatesta, nacquero:

Da Giovanna Novella Malaspina (o Francesca), figlia di Spinetta Malaspina, sposata nel 1340, nacquero:

  • Azzo (o Azzone) (?-1412);
  • Giacomo (morto infante);
  • Mario (morto infante);
  • Tommasina, sposò Alidosio Alidosi di Imola;
  • Orietta.

Luigi Gonzaga ebbe anche tre figli naturali: Costanza, Bartolomeo e ancora Costanza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Roberto Brunelli, I Gonzaga. Quattro secoli per una dinastia, Mantova, 2010.
  2. ^ L'arme dei Gonzaga

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cesare Cantù, Grande illustrazione del Lombardo-Veneto. Mantova e la sua provincia. Volume quinto, Milano, 1859. ISBN non esistente.
  • Giuseppe Coniglio, I Gonzaga, Varese, Dall'Oglio, 1973. ISBN non esistente.
  • Adelaide Murgia, I Gonzaga, Milano, Mondadori, 1972. ISBN non esistente
  • Roberto Brunelli, I Gonzaga. Quattro secoli per una dinastia, Mantova, 2010.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835. ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Podestà di Modena Successore
 ? 1313  ?
Predecessore Podestà di Mantova Successore
 ? 1318  ?
Predecessore Podestà di Parma Successore
 ? 1319  ?
Predecessore Signori di Mantova
Capitano del Popolo di Mantova
Successore Coat of arms of the House of Gonzaga (1328-1389).svg
Rinaldo Bonacolsi 1328-1360 Guido