Lucy Lyttelton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lady Lucy Caroline Lyttelton (Hagley, 5 settembre 1841Penshurst, 22 aprile 1925) è stata una nobildonna inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Hagley Hall, figlia di George Lyttelton, IV barone Lyttelton, e della sua prima moglie, Mary Glynne, cognata di William Gladstone[1].

Nel 1863 venne nominata damigella d'onore della regina Vittoria[2].

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 7 giugno 1864, Lord Frederick Cavendish, figlio di William Cavendish, VII duca di Devonshire e di Lady Blanche Howard. Non ebbero figli.

Suo marito venne assassinato dai nazionalisti irlandesi nel Parco Murders Phoenix, il 6 maggio 1882, giorno in cui prestò il giuramento come primo segretario per l'Irlanda[1]. Rimase una sostenitrice dell'autogoverno per l'Irlanda[1].

Dopo la morte del marito divenne presidente del consiglio dell'educazione femminile del Yorkshire (1883-1912). È stata membro fondatore del Consiglio della Girls' Day School Trust, che era stata fondata dal padre[1].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 22 aprile 1925, all'età di 84 anni, a Penshurst. Fu sepolta nella tomba accanto il marito nel cimitero Edensor, nei pressi di Chatsworth.

Il Lucy Cavendish College, di Cambridge, venne chiamato così in suo onore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Boase G. C. "Cavendish, Lord Frederick Charles (1836–1882)" rev. H. C. G. Matthew, Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004, online edition, October 2005, accessed 23 April 2013 Template:ODNBsub
  2. ^ "Obituary – Lady Frederick Cavendish", The Times, 23 aprile 1925, p. 14