Lucretia Mott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucretia Mott

Lucretia Mott, nata Coffin (Nantucket, 3 gennaio 1793Abington, 11 novembre 1880), è stata un'attivista statunitense. Lottò per l'abolizione della schiavitù e per i diritti delle donne.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lucretia Coffin nacque nel Massachusetts da una famiglia di quaccheri e divenne insegnante. Nel 1811 sposò James Mott e assieme al marito si trasferì a Filadelfia.

Si batté lungamente per l'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti e nel 1840 venne inviata a Londra come delegata americana alla convenzione mondiale contro la schiavitù (World's Anti-slavery Convention): essendo donna, gli altri delegati si rifiutarono di riconoscere le sue credenziali e non ebbe voce attiva nell'assemblea.

La Mott iniziò allora a battersi per i diritti della donna e nel luglio 1848 organizzò a Seneca Falls l'assemblea che stese la Declaration of Sentiments, una delle prime dichiarazioni dei diritti delle donne.

Morì ultraottantenne nel 1880.

Nel 1921 fu inaugurato un monumento alla sua memoria all'interno del Campidoglio degli Stati Uniti e dal 1983 la sua figura venne inserita nella National Women's Hall of Fame.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 32004830 LCCN: n50016853

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie