Luciobarbus comizo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Barbo iberico
Barbo comizo.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Cypriniformes
Famiglia Cyprinidae
Genere Luciobarbus
Specie L. comizo
Nomenclatura binomiale
Luciobarbus comizo
Steindachner, 1864
Sinonimi

Barbus comizo, Barbus comiza

Areale

Mapa Barbus comiza.png

Gruppo di L. comizo

Luciobarbus comizo o barbo iberico è un pesce osseo d'acqua dolce della famiglia Cyprinidae.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

È una specie endemica della penisola Iberica occidentale, precisamente dei fiumi Tago e Guadiana mentre risulta estinto nel Guadalquivir (tranne, forse, nel tratto terminale).

Popola i grandi fiumi larghi e profondi, in tratti con corrente lenta e abbondante vegetazione acquatica.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo barbo è immediatamente riconoscibile dai congeneri a causa del profilo della testa che è molto allungato e, negli adulti, concavo tra la bocca e l'occhio. Gli occhi sono molto vicini al profilo dorsale. L'ultimo raggio della pinna dorsale è rigido e robustamente seghettato sul bordo posteriore. Labbra sottili.

Si tratta di uno dei più grandi barbi europei raggiungendo gli 80 cm di lunghezza.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si ciba di invertebrati in età giovanile mentre da adulto, fatto inusuale per un barbo, preda soprattutto pesci.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Si riproduce probabilmente in primavera.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Le popolazioni si sono fortemente ridotte negli ultimi anni. È minacciato dall'alterazione dell'habitat, dalla diminuzione di portata dei fiumi a causa dell'estrazione di acqua e dall'introduzione di specie aliene.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Luciobarbus comizo in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Kottelat M., Freyhof J. Handbook of European Freshwater Fishes, Publications Kottelat, Cornol (CH), 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci