Luciobarbus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Luciobarbus
Barbo Andaluz.jpg
Luciobarbus sclateri
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Ostariophysi
Ordine Cypriniformes
Famiglia Cyprinidae
Sottofamiglia Barbinae
Genere Luciobarbus
Heckel, 1843
Specie

Vedi testo

Luciobarbus Heckel, 1843 è un genere di pesci ossei d'acqua dolce appartenenti alla famiglia Cyprinidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Luciobarbus è diffuso su un areale che va dalla penisola Iberica e il nord Africa al bacino idrografico del Tigri e dell'Eufrate e all'Iran nonché ai tributari del mar d'Aral. In Europa è limitato alla penisola Iberica e alla Grecia. In Italia centrale (fiume Ombrone) è presente una popolazione alloctona della specie Luciobarbus graellsii, endemica dell'Ebro[1][2].

La biologia è simile a quella del genere Barbus[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo genere è esteriormente molto simile al genere Barbus da cui però è ben distinto a livello molecolare. Inoltre i due generi presentano una struttura diversa del labbro inferiore e dei tubercoli nuziali (numerosi, piccoli e diffusi su tutta la testa e la parte anteriore del corpo in Barbus, in numero minore, più grandi e limitati al muso in Luciobarbus)[3].

La specie di maggiori dimensioni è L. esocinus che arriva a 230 cm di lunghezza per 140 kg di peso. La maggior parte delle altre specie ha dimensioni paragonabili alle specie europee del genere Barbus[1].

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Al genere appartengono 21 specie:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Lista delle specie da Fishbase
  2. ^ * Scheda da ittiofauna.org
  3. ^ a b *(EN) Cornol (CH) Kottelat M., Freyhof J., Handbook of European Freshwater Fishes, Publications Kottelat, 2007, ISBN 88-7021-299-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]