Lucio Giavoleno Prisco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lucio Giavoleno Prisco meglio conosciuto come Giavoleno (lat.: Iavolenus), (... – ...) è stato un giurista e console romano dell'epoca di Traiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo una carriera politico-militare a capo delle legioni in Dalmazia, Mesia ed Africa, scrisse quattordici libri di diritto, contenenti epistule e commenti, oltre a citazioni e rivisitazioni di altri giureconsulti del passato, soprattutto Gaio Cassio Longino e Marco Antistio Labeone, suo principale avversario. Raccolse quaestiones e responsa anche sul diritto civile.

Nel Digesto (D 50. 17. 202) si rinviene un suo celebre frammento: Omnis definitio in iure civili periculosa est; parum est enim, ut non subverti posset, Nel diritto ogni definizione appare pericolosa; è difficile infatti che essa non possa essere sovvertita[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.jus.unitn.it/users/santucci/istrom/topics/03-04/gianni.pdf
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie