Lucio Emilio Barbula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Emilio Barbula
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Lucius Aemilius Barbula
Figli Marco Emilio Barbula
Gens Emilia
Padre Quinto Emilio Barbula
Consolato 281 a.C.

Lucio Emilio Barbula [1] (Lucius Aemilius Barbula in lingua latina; ... – ...) è stato un militare e politico romano, figlio maggiore di Quinto (console nel 317 a.C. e nel 311 a.C.).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Eletto console nel 281 a.C., ha ricevuto il comando durante le guerre sannitiche. Lo stesso anno invase e conquistò Taranto scatenando la campagna d'Italia effettuata da Pirro re d'Epiro. Nel 280 a.C., ebbe una ricompensa per le vittorie ottenute contro Taranto e contro i Sanniti.

Suo figlio Marco Emilio Barbula fu eletto console nel 230 a.C.

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Quinto Emilio Papo
e
Gaio Fabricio Luscino
(281 a.C.)
con Quinto Marcio Filippo
Publio Valerio Levino
e
Tiberio Coruncanio