Lucio Dell'Angelo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Dell'Angelo
Lucio Dell'Angelo.jpg
Lucio Dell'Angelo con la maglia del L.R. Vicenza (1964)
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 177 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Squadre di club1
1955-1956 Venzone  ? (?)
1956-1957 Milan Milan 0 (0)
1957-1958 Massese Massese 18 (6)
1958-1959 Fiorentina Fiorentina 2 (0)
1959 Alessandria Alessandria 0 (0)
1959-1961 Prato Prato 58 (8)
1961-1963 Fiorentina Fiorentina 60 (6)
1963-1965 L.R. Vicenza L.R. Vicenza 55 (6)
1965-1967 Verona Verona 39 (1)
1966-1969 Atalanta Atalanta 82 (4)
1969-1972 Mantova Mantova 74 (7)
1972-1973 Monza Monza 6 (0)
1972-1976 Prato Prato 72 (8)
Carriera da allenatore
1978-1979 Viareggio Viareggio [1]
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Lucio Dell'Angelo (Lucinico di Gorizia, 18 aprile 1938Viareggio, 1º gennaio 2013) è stato un calciatore italiano.

È scomparso nel 2013 all'età di 74 anni dopo una lunga malattia[2].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Centrocampista dotato di grande corsa e di grande dedizione, emerse dalle categorie dilettantistiche friulane, venendo pescato dal Milan, dove non riuscì a esordire; passò dunque alla Massese, per poi debuttare in Serie A con la Fiorentina nella stagione 1958-1959, con esordio il 19 aprile 1959 in occasione del successo esterno sul Bari. Disputò l'ultima parte di quella stessa stagione all'Alessandria e giocò una partita di Coppa Italia contro la Juventus[3].

Nell'estate seguente il Prato volle acquistare i servizi del giocatore, ma le due società toscane non riuscirono ad accordarsi sul prezzo del cartellino: per sbloccare la trattativa, il mediatore Giacchetti inventò la formula secondo la quale il Prato prendeva solo la metà del cartellino. Nacque così la comproprietà e Dell'Angelo entrò nella storia del calcio italiano come il primo calciatore posseduto al 50% tra due squadre[4].

Con il Prato ottenne una promozione in Serie B (1959-1960). Tornato a Firenze giocò con continuità nelle successive due stagioni, giocò la finale di Coppa delle Coppe 1961-1962. Passò poi al Lanerossi Vicenza, sempre in A, poi in B al Verona. Nel 1966 si trasferì all'Atalanta e tornò a calcare per un triennio i campi del massimo campionato. La sua carriera include inoltre altri tre anni al Mantova, con cui conquistò una promozione in A (1970-1971), una breve parentesi al Monza in B e gli ultimi anni al Prato, tra Serie C e D.

Conta una presenza in Nazionale B (successo sulla Bulgaria per 1-0 a Firenze il 20 marzo 1963[5]. In carriera ha totalizzato complessivamente 227 presenze e 19 reti in serie A e 136 presenze e 10 reti in Serie B. Nella stagione 1978-79 fu allenatore del Viareggio, ma al termine dell'annata la squadra retrocesse in serie D: fu la sua unica esperienza alla guida di una squadra.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Mantova: 1970-1971

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Fiorentina: 1959

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1980, edizioni Panini, pag. 289
  2. ^ E’ morto Lucio Dell’Angelo, ex di Fiorentina e Verona Calcio.fanpage.it
  3. ^ [1] Scheda di Lucio Dell'Angelo su myjuve.it
  4. ^ Ma dai?!? - Spormediaset
  5. ^ La raccolta completa degli Album Panini, 1971-72, La Gazzetta dello sport, pag. 45

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]