Luciano Bonanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano Bonanni in un fotogramma del film Fantozzi.

Luciano Bonanni (Roma, 21 maggio 1927Roma, 11 agosto 1997) è stato un attore italiano caratterista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Bonanni è stato uno dei più noti generici cinematografici: vanta una filmografia sterminata, composta da oltre trecento film distribuiti lungo un arco temporale di oltre quarant'anni di attività. È comparso praticamente ovunque: dove c'è stato bisogno del personaggio marginale, di un tassista, di una comparsa, di un infermiere, di un fruttivendolo, o di un comune borgataro, lui è sempre apparso, contendendosi negli anni con Mimmo Poli il titolo di caratterista più prolifico della storia del cinema italiano.

Nativo di Roma, precisamente del quartiere Garbatella, dopo un lungo apprendistato in teatro negli anni del fascismo, inizia a prendere parte come comparsa a molti film girati nella capitale a partire dai primi anni cinquanta.

Appare in seguito in grandi pellicole come Il federale (1961) di Luciano Salce e Totò contro i quattro (1963) di Steno. Come molti suoi colleghi dell'epoca, utilizza frequentemente degli pseudonimi dal sapore americaneggiante, quali Larry Bona.

Rimane parallelamente attivissimo anche in teatro. Nel 1962 fa parte del cast della prima edizione del famosissimo Rugantino di Garinei e Giovannini, nella quale interpreta il burinello; l'opera debutta al Teatro Sistina di Roma, il 15 dicembre.

Ma è negli anni settanta che la sua carriera sul grande schermo si sviluppa e prosegue senza soste: arriva a prendere parte anche a trenta-quaranta film all'anno, spesso commedie, tra i quali è doveroso ricordare Fantozzi (1975) di Luciano Salce o Febbre da cavallo (1976) di Steno.

Nel 1981 nel film Pierino medico della Saub ricopre il ruolo di Renato Cecioni detto "Capocciò", recitando insieme ad un altro grande caratterista dell'epoca, Ennio Antonelli, nella parte di Zio Nando; in quel film entrambi vengono doppiati.

Ritiratosi nella seconda metà degli anni ottanta per problemi di salute, Bonanni viene chiamato ad interpretare se stesso nel film Grandi magazzini (1986) di Castellano e Pipolo; curiosamente, una frase del film che Nino Manfredi disse in stato di ebbrezza riguardò proprio Bonanni, ed è: "Anche Bonanni compra ai Grandi Magazzini".

Dopo parecchi anni di inattività, si è spento, sempre a Roma, nel 1997, all'età di 70 anni, colpito da un improvviso infarto.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie