Lucia da Valcaldara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beata Lucia da Valcaldara
Beata Lucia da Valcaldara in un affresco del sec. XV nella Chiesa di S. Scolastica in Norcia
Beata Lucia da Valcaldara in un affresco del sec. XV nella Chiesa di S. Scolastica in Norcia
Nascita 1370
Morte 12 gennaio 1430
Venerata da Chiesa cattolica
Ricorrenza 12 gennaio

Lucia da Valcaldara (Norcia, 1370Norcia, 12 gennaio 1430) è stata una religiosa italiana delle monache clarisse; è venerata come beata dalla Chiesa cattolica.

Vita[modifica | modifica sorgente]

A 15 anni si consacrò totalmente al Signore e fondò a Norcia, presso una casa paterna, un primo nucleo di vergini consacrate, che nel 1386, con l'approvazione del vescovo di Spoleto Ferdinando, divenne il monastero di San Girolamo. Nel 1390 Lucia fondò un altro monastero presso la chiesa di Santa Maria a Valcaldara (frazione di Norcia). Riuniti in uno solo, i due monasteri presero nel 1407 la regola delle Clarisse e costituirono, con l'approvazione del vescovo Agostino, il Monastero di Santa Chiara, che poi, dopo il terremoto del 1703, prenderà il nome di "Santa Maria della Pace". Lucia morì a Norcia il 12 gennaio 1430 e fu subito venerata e invocata come "santa".

Culto[modifica | modifica sorgente]

Il corpo della Beata, custodito nel suo "deposito" del 1637, è esposto a Norcia, nella chiesa del monastero delle Clarisse di Santa Maria della Pace.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "Breve vita della Beata Lucia da Norcia", Giorgio Orioli, Norcia, 12 gennaio 2002