Lubjanka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima fermata della Metropolitana di Mosca, vedi Lubjanka (metropolitana di Mosca).
Il quartier generale del KGB a Mosca.

Lubjanka (in russo Лубянка) è il nome con cui è noto un palazzo di Mosca, celebre per essere sede dei servizi segreti sovietici prima e russi poi. È un grande edificio con facciata di mattoni gialli, progettato da Aleksander V. Ivanov nel 1897, ed ingrandito da Aleksej V. Ščusev nel 1940-47.

La Lubjanka venne costruita originariamente nel 1898, come sede neobarocca della Compagnia di Assicurazione Rossija, divenuta nota per i bei pavimenti in parquet ed i muri verde chiaro. Dissimulando la propria mole, l'edificio non comunica un'impressione di scala enorme: singoli dettagli palladiani e barocchi, come i minuti frontali agli angoli e la loggia centrale, si perdono in un apparentemente infinita facciata classicheggiante, dove le tre fasce di cornicioni sottolineano le linee orizzontali. Un orologio è posto al centro della fascia superiore della facciata.

Nel 1918 fu occupato dai primi servizi segreti sovietici, la Čeka. La sede rimase poi stabile nonostante le successive evoluzioni dei servizi, da Čeka a GPU a NKVD a KGB, fino ad approdare all'FSB russa di oggi. La Lubjanka mantiene una fama sinistra, legata alle torture e ai crudeli interrogatori che si tennero al suo interno dal 1918 al 1956 (come raccontato da Solženicyn in Arcipelago Gulag) e che ebbero il loro culmine in epoca stalinista.

Nel corso delle Grandi Purghe, gli uffici divennero via via più affollati per l'aumento degli operativi. Nel 1940 venne commissionato a Ščusev il raddoppio della dimensione dell'edificio, tramite l'aggiunta di un altro piano e comprendendo costruzioni sul retro. Il progetto di Ščusev aumentava la componente neorinascimentale, ma solo la parte sinistra della facciata venne ricostruita sotto la sua direzione negli anni 40, a causa della guerra e di altri ostacoli. La facciata asimmetrica rimase tale fino al 1983, quando la simmetria venne ripristinata secondo il progetto, su impulso di Jurij Andropov.

Detti popolari[modifica | modifica sorgente]

Fra gli abitanti di Mosca è molto frequente il modo di dire: «Il Palazzo della Lubjanka è il palazzo più alto di Mosca perché da lì si vede direttamente la Siberia»[senza fonte]. Questo detto deriva chiaramente dalle deportazioni dei prigionieri politici nei campi d'internamento (erroneamente denominati gulag[1]) in Siberia che in un primo tempo venivano rinchiusi nella Lubjanka.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In realtà tale nome è l'acronimo di Glavnoe upravlenie ispravitelno-trudovykh lagerej ossia Direzione principale dei campi di lavoro correttivi

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia