Louis Leplée

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Louis Leplée (Bayonne, 7 aprile 1883Parigi, 6 aprile 1936) è stato il direttore di uno dei cabaret di Parigi, il Gerny's, situato sugli Champs-Élysées. Amico di Arletty, fu lo scopritore di Edith Piaf.

Muore ucciso nella sua casa di Parigi il 6 aprile 1936, poco tempo dopo aver fatto incidere il primo disco alla cantante francese; questo evento provocò una vendetta contro la cantante Edith Piaf, ritenuta complice, che le costò quasi la carriera[1]. La morte di Louis Leplèe è ancora avvolta dal mistero.

La sua figura venne interpretata al cinema dall'attore Gérard Depardieu nel film La vie en rose del 2007.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Biografia di Edith Piaf
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie