Louis Finson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Louis Finson (noto anche come Ludovicus Finsonius) (Bruges, 1580Amsterdam, 1617) è stato un pittore fiammingo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I quattro elementi - Collezione privata.

Si formò come pittore nella natia Bruges, per poi perfezionarsi in un viaggio in Italia, che toccò prima Roma e poi Napoli. In quest'ultima località entrò in contatto con la pittura di Caravaggio e, anzi, fu il primo pittore fiammingo che ne fu influenzato.

Ritornato ad Aix nel 1613, eseguì diversi ritratti, ora conservati nei musei di Aix, di Marsiglia ed in alcune collezioni private; ricevette l’incarico di dipingere per la cattedrale l'Incredulità di san Tommaso e nel 1614 dipinse, inoltre, per la chiesa di Saint-Trophime ad Arles, il Martirio di santo Stefano e l'Adorazione dei Magi.

Alla realizzazione delle sue opere collaborò anche l'olandese Martin Faber, anche se questo fatto è oggetto di controversie.

In ogni caso Louis Finson si occupò anche del commercio di opere d'arte: in comproprietà col mercante di Amsterdam Abraham Vinck possedeva due Caravaggio: una Giuditta e Oloferne e la Madonna del Rosario ora conservata a Vienna.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ernst Gombrich - Dizionario della Pittura e dei Pittori - Einaudi Editore (1997)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]