Louis Andriessen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Louis Andriessen (Utrecht, 6 giugno 1939) è un compositore olandese di musica contemporanea.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Considerato come uno dei più noti ed eseguiti compositori olandesi viventi, è nato in una famiglia di musicisti, essendo figlio del compositore Hendrik Andriessen (1892-1981) e fratello del compositore Jurriaan Andriessen (1925-1996).

Iniziò gli studi con il padre e con Kees van Baaren presso il Conservatorio Reale de L'Aia, in seguito studiò per due anni con Luciano Berio a Milano e Berlino.

Ha fondato i gruppi strumentali De Volharding e Hoketus, i quali tra l'altro presero i nomi da titoli di due sue composizioni; ha avuto inoltre un ruolo importante nella costituzione e fondazione dei gruppi Schoenberg ensemble e Asko ensemble.
Louis Andriessen vive e lavora ad Amsterdam.

La musica[modifica | modifica wikitesto]

I suoi primi lavori denotano una certa attitudine alla sperimentazioni in varie correnti coeve: il serialismo (Series, 1958), il pastiche (Anachronie I, 1966-1967), e l'elettronica (Il Duce, 1973).

Grazie alla sua reazione al conservativismo di buona parte della scena musicale olandese dell'epoca, Andriessen sentì la necessità di spingersi verso un linguaggio musicale più radicale ed alternativo. Fin dai primi anni settanta rifiutò di scrivere per organici convenzionali quali l'orchestra sinfonica, per utilizzare invece effettivi strumentali molto più personali, comprendenti spesso strumenti quali la chitarra elettrica o il basso elettrico. La scelta caratteristica degli strumenti, assieme al suo stile personale, nel quale si possono riconoscere influenze stravinskiane e del minimalismo americano, contribuiscono a fare della musica di Andriessen un qualcosa di molto personale e facilmente riconoscibile.

La sua scrittura armonica, comunque, fuoriesce dall'insistita consonanza di molti autori minimalisti americani, inglobando invece le conquiste armoniche europee del secondo dopoguerra. Nelle sue partiture vengono sovente usate tecniche di esecuzione non ortodosse quali accentazioni ritmiche particolarmente esasperate, voci umane amplificate, utilizzo primario di suoni non vibrati. Inoltre, in brani come De Staat (1972-1976) non è difficile rilevare influenze jazzistiche, in particolare provenienti dalla musica per big band di autori come Count Basie e Stan Kenton.

Per stessa ammissione dell'autore, la musica di Andriessen è decisamente antiromantica, in particolare molto distante dalla scuola germanica, ed ha costituito una reale alternativa al serialismo europeo.

La sua musica è edita da Donemus e Boosey & Hawkes, molte sue registrazioni vengono pubblicate dall'etichetta Nonesuch.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Musica strumentale (da 1 a 12 esecutori)[modifica | modifica wikitesto]

Musica strumentale (sopra i 12 esecutori) e orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

Musica elettronica[modifica | modifica wikitesto]

  • In Memoriam (1971) per nastro magnetico
  • Il Duce (1973) per nastro magnetico
  • Tuin van Zink (1998) per viola e live electronics

Musica vocale[modifica | modifica wikitesto]

Opere teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Scritti di Louis Andriessen[modifica | modifica wikitesto]

(EN) edizione inglese: The Apollonian Clockwork – On Stravinsky, Amsterdam University Press, Amsterdam (2006). ISBN 9053568565

Scritti su Louis Andriessen[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 111315943 LCCN: n81067980