Lost Gardens of Heligan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cornovaglia (Inghilterra): The Jungle nei Lost Gardens of Heligan
Altra immagine di The Jungle
I Lost Gardens of Heligan in primavera
L'Italian Garden
Visitatori all'Italian Garden
Rododendri nei Lost Gardens of Heligan
Verdure nei Lost Gardens of Heligan
The Giant's Head
La Mud Maid
Lost Gardens of Heligan: La casetta della colomba

I Lost Gardens of Heligan ("Giardini perduti di Heligan") sono un complesso di giardini, approntati originariamente tra la fine del XVIII secolo[1][2] e l'inizio del XX secolo[1][2][3][3][4][5][6] nella tenuta di Heligan, antica residenza della famiglia Tremayne[1][3][4][6] situata nel villaggio inglese di Pentewan[1][2][4][5] (dintorni di Mevagissey), in Cornovaglia (Inghilterra sud-occidentale).
Considerati nel XIX secolo tra i più bei giardini della Gran Bretagna[4], caddero in rovina (da cui il nome) dopo la prima guerra mondiale[1][2][3][5], ma sono stati rivitalizzati e riportati agli antichi splendori nel corso degli anni novanta del XX secolo, grazie ai lavori guidati da Tim Smit, autore anche dell'Eden Project[1][2][3][4][5][6]: si tratta del più grande progetto di restauro di giardini mai realizzato in Europa[1][3].

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

I giardini si trovano a circa 2,5 km da Mevagissey.[4]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I giardini si estendono in un'area di circa 80 acri.[1][3]

Nel complesso si trovano giardini all'inglese, giardini all'italiana, giardini a terrazze e anche una "giungla".[4]

Il complesso è diviso in varie sezioni, quali la Lost Valley ("Valle perduta"), la Jungle, il Productive Garden, i Pleasure Grounds, l'Italian Garden, ecc.[1][3][5]

I giardini presentano una grande varietà di piante, che vanno dall'ananas al bambù, alle felci giganti australiane, ecc.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tenuta di Heligan fu realizzata nel 1603 da William Tremayne, la cui famiglia era proprietaria di circa 1.000 acri della zona.[3]

I giardini furono creati intorno al 1780-1790 ca. da Henry Hawkins Tremayne (1766-1829), curato a Lostwithiel, che ereditò la tenuta.[1]

Henry Hawkins Tremayne (1766-1829), creatore dei giardini

In seguito, John Hearle Tremayne (1829-1851) realizzò la lunga passeggiata che collegava la tenuta al villaggio di Pentewan, in origine costruita forse per permettere ai cavalli il trasporto del carbone da St Austell.[1] Fu inoltre inoltre probabilmente colui che introdusse delle piante subtropicali, creando l'area nota ora come "The Jungle".[1]

Con lo scoppio della prima guerra mondiale, però, i giardinieri che di occupavano della manutenzione della tenuta di Heligan furono chiamati alle armi e molti di loro morirono[1][2][3][4][5] (dei 22 giardinieri, solo 6 tornarono a casa vivi[3]).
Nel 1916, inoltre, la tenuta fu requisita dal Dipartimento di Guerra.[1][3]

Dopo la prima guerra mondiale, morì anche l'ultimo erede maschio della famiglia Tremaynee la tenuta fu così venduta.[6]

Per questi motivi, i giardini furono abbandonati a se stessi e ben presto furono coperti da una folta boscaglia, che di fatto li cancellò.[1][2][3][4][5][6]

Nel corso della seconda guerra mondiale, la tenuta fu utilizzata invece dall'esercito statunitense.[3]

All'inizio degli anni novanta, discografico Tim Smit, il quale, incaricato da unerede della tenuta, John Willis, visitò Heligan per la prima volta il 16 febbraio 1990[6] e, nella primavera del 1991, iniziò un lavoro da parte di molti giardinieri volontari, grazie ai quali il sito ha potuto essere recuperato e rivitalizzato.[1][2][3][4][5][6]

L'anno seguente, i giardini furono aperti al pubblico.[1][3]

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Pleasure Grounds[modifica | modifica wikitesto]

Questa sezione ospita giardini tipici di varie parti della terra e comprende vari padiglioni, stagni, ecc.[5] Vi si trova anche una grotta di cristallo.[5]

Productive Garden[modifica | modifica wikitesto]

Nel Productive Garden si trovano 300 varietà di frutta e verdura.[5]

Italian Garden[modifica | modifica wikitesto]

L'Italian Garden ("Giardino all'italiana") fu il primo progetto realizzato durante il restauro.[7]
Fu creato in origine allo scopo di "catturare" il sole di mezzogiorno e per questo motivo si chiamava in origine The Suntrap.[7]

The Jungle[modifica | modifica wikitesto]

Nella Jungle ("Giungla"), che si estende per circa 22 acri[3], si trovano palme, bambù e felci australiane.[5][8]

Lost Valley[modifica | modifica wikitesto]

La Lost Valley si estende in un'area di circa 30 acri.[3]

Sculture[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sculture più famose e curiose all'interno dei Lost Gardens of Heligan, vi sono la Mud Maid ("La ragazza del fango") e The Giant's Head ("La testa del gigante"), realizzate da due persone del luogo Sue e Pete Hill.[9]
Queste figure sono ispirate a due libri per bambini scritti da Sandra Horn ed illustrati da Karen Popham.[9]

La Mud Maid

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Mevagissey.net: The Lost Gardens of Heligan
  2. ^ a b c d e f g h A.A.V.V., Gran Bretagna da scoprire, Dorling Kindersley, London - Mondadori, Milano, 2011, p. 35
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r Cornwall Online: The Lost Gardens of Heligan
  4. ^ a b c d e f g h i j A.A.V.V., Inghilterra, Lonely Planet, Victoria - EDT, Torino, 2007, p. 381
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m A.A.V.V., Key Guide - Gran Bretagna, Touring Club Italiano, 2007, p. 85
  6. ^ a b c d e f g Heligans fruchtbare Wildnis. Das Gartenwunder von Cornwall, in: Die Zeit
  7. ^ a b Look Around Cornwall: The Lost Gardens of Heligan > Italian Garden
  8. ^ Look Around Cornwall: The Lost Gardens of Heligan > The Jungle
  9. ^ a b Look Around Cornwall: The Lost Gardens of Heligan > Mud Maid

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 50°17′08.69″N 4°48′41.67″W / 50.285747°N 4.811575°W50.285747; -4.811575