Lorenzo di Canterbury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lorenzo di Canterbury
Probabile ritratto di San Lorenzo di Canterbury
Probabile ritratto di San Lorenzo di Canterbury

Vescovo

Nascita  ?
Morte 2 febbraio 619
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 2 febbraio
Attributi bastone pastorale, piaghe

Lorenzo di Canterbury (... – Canterbury, 2 febbraio 619) fu il secondo arcivescovo di Canterbury; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giunse nell'isola di Thanet nel 597 come membro della missione guidata Agostino di Canterbury e inviata da papa Gregorio I, su richiesta del sovrano pagano del Kent, Ethelbert, che aveva sposato la principessa cristiana Berta, figlia del re dei Franchi merovingio, Cariberto.

Fece quindi ritorno a Roma per riferire al Papa sui successi ottenuti nell'evangelizzazione di questo regno. Successe ad Agostino nel 604 e alla sua morte fu sostituito da San Mellito, vescovo di Londra.

Il figlio e successore di Ethelbert (che si era fatto battezzare), Eadbald, ritornò alle vecchie credenze pagane e per questo molti missionari fuggirono in Gallia. Lorenzo, allora, si impegnò nel riconvertirlo al Cristianesimo: secondo la leggenda, Lorenzo stava per desistere, quando, nel corso di una visione, gli sarebbe comparso san Pietro, che lo punì frustandolo: i segni della punizione rimasero e servirono a convertire Eadbald.

Fu sepolto nell'abbazia-chiesa di san Pietro, poi dedicata a sant'Agostino.

Festa liturgica il 2 febbraio.

Predecessore Arcivescovo di Canterbury Successore Archbishcantarms.png
Agostino 605 - 2 febbraio 619 Mellito

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24992474