Lorenzo Renzi (linguista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lorenzo Renzi (Vicenza, 1939) è un linguista e filologo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Docente di filologia romanza nell'ateneo padovano, è stato presidente della Società linguistica italiana.[1] È autore di varie opere in campo linguistico.[2]

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • La lingua italiana oggi: un problema scolastico e sociale, a cura di Lorenzo Renzi e Michele A. Cortelazzo, Bologna, Il Mulino, 1977.
  • Grande Grammatica italiana di consultazione, a cura di Lorenzo Renzi, Giampaolo Salvi e Anna Cardinaletti), 3 voll., Bologna, Il Mulino, 1991.
  • Le tendenze dell’italiano contemporaneo. Note sul cambiamento linguistico nel breve periodo, in “Studi di Lessicografia italiana”, XVII, 2000, pp. 279-319.
  • Etimologia scientifica e etimologia retorica, in L'Accademia della Crusca per Giovanni Nencioni, Firenze, Le Lettere, 2002, pp. 465-482.
  • Il cambiamento linguistico nell'italiano contemporaneo, in Nicoletta Maraschio e Teresa Poggi Salani (a cura di), Italia linguistica anno Mille, Italia linguistica anno Duemila, Roma, Bulzoni, 2003, pp. 37-52.
  • Il controllo ortografico del computer come tutore della norma dell’italiano, in Gli italiani e la lingua, a cura di Franco Lo Piparo e Giovanni Ruffino, Palermo, Sellerio, 2005, pp. 199-208.
  • Manuale di Linguistica e Filologia romanza, (con Alvise Andreose), Bologna, il Mulino, 2003.
  • Grammatica dell’italiano antico, a cura di Giampaolo Salvi e Lorenzo Renzi, Bologna, il Mulino, 2010, 2 voll., pp. 1745.
  • Come cambia la lingua. L'italiano in movimento, coll. Universale paperbacks il mulino, 2012 ISBN 978-88-15-23780-4.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi il sito: http://www.comunicazione.lettere.unipd.it/docenti_storico/renzi.php.
  2. ^ Vedi il sito: http://www.maldura.unipd.it/romanistica/pubbl/renzi.html