Lorenzo Cybo de Mari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lorenzo Cybo de Mari
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalPallium PioM.svg
Nato 1450 o 1451, Genova o Valencia
Consacrato vescovo 16 gennaio 1486
Creato cardinale 9 marzo 1489 da papa Innocenzo VIII
Deceduto 21 dicembre 1503, Roma

Lorenzo Cybo de Mari (Genova o Valencia, 1450 o 1451Roma, 21 dicembre 1503) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Membro dell'antica e nobile famiglia de Mari, era figlio illegittimo di Maurizio Cybo, fratello di papa Innocenzo VIII.

Fu prefetto di Castel Sant'Angelo, nel 1481 fu nominato canonico della basilica vaticana. Fu abate commendatario di numerose abbazie in Italia e in Francia.

Il 5 dicembre 1485 fu eletto arcivescovo di Benevento e fu consacrato il 16 gennaio dell'anno successivo. Ottenne per i canonici della cattedrale metropolitana di Benevento il privilegio di indossare la berretta rossa propria dei cardinali.

Il 9 marzo 1489 papa Innocenzo VIII lo creò cardinale. Il 23 marzo dello stesso anno ricevette il titolo di Santa Susanna.

Il 29 agosto 1490 fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Vannes: manterrà l'incarico fino alla morte. Il 14 marzo 1491 optò per il titolo di San Marco.

Nel gennaio 1492 divenne Camerlengo del Sacro Collegio, carica che tenne, come d'uso, per un anno.

Ebbe poi in commenda il titolo di Santa Cecilia, dal 9 dicembre 1497 al settembre del 1500. Il 14 maggio 1501 optò per l'ordine dei cardinali vescovi e divenne vescovo di Albano, ritenendo però il titolo di San Marco. Rinunciò all'arcidiocesi di Benevento nel gennaio 1503 e fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Noli. Il 29 novembre 1503 optò per la sede suburbicaria di Palestrina.

Partecipò al conclave del 1492 e ai due del 1503, che elessero papa Alessandro VI, papa Pio III e papa Giulio II.

Morì a Roma e fu sepolto nella cappella di San Lorenzo nella chiesa di Santa Maria del Popolo. Lasciò i suoi paramenti liturgici e la sua biblioteca alla sede suburbicaria di Palestrina.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Battista Semeria, Secoli Cristiani della Liguria, Vol. II, Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1843
  • Giovanni Battista Semeria, Secoli Cristiani della Liguria, Vol. II, Savona, Edizione anastatica a cura di Elio Ferreris, Cooptipograf, 2000 ISBN 88-87209-14-6
Predecessore Arcivescovo di Benevento Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Leonardo Grifo 5 dicembre 1485 - 20 gennaio 1503 Ludovico Podocataro
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Susanna Successore CardinalCoA PioM.svg
Jean La Balue 1489-1491 Juan Borgia
Predecessore Amministratore apostolico di Vannes Successore BishopCoA PioM.svg
Pierre de Foix il Giovane 29 agosto 1490 - 21 dicembre 1503 Amanieu d'Albret
Predecessore Cardinale presbitero di San Marco Successore CardinalCoA PioM.svg
Marco Barbo 14 marzo 1591 - 21 dicembre 1503 Domenico Grimani
Predecessore Cardinale vescovo di Albano Successore CardinalCoA PioM.svg
Jorge da Costa 14 maggio 1501 - 29 novembre 1503 Raffaele Riario
Predecessore Amministratore apostolico di Noli Successore BishopCoA PioM.svg
Galeotto Franciotti della Rovere gennaio 1503 - 21 dicembre 1503 Antonio Ferrero
Predecessore Cardinale vescovo di Palestrina Successore CardinalCoA PioM.svg
Girolamo Basso Della Rovere 29 novembre 1503 - 21 dicembre 1503 Antonio Pallavicini Gentili