Lorenzo Crespi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lorenzo Crespi, nome d'arte di Vincenzo Leopizzi (Messina, 13 agosto 1971), è un attore e personaggio televisivo italiano, interprete di film e fiction televisive.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte della nonna alla quale era molto legato sviluppa un carattere aggressivo che lo vede coinvolto in risse di vario genere e soprattutto lo porta in carcere a 15 anni per l'omicidio di un uomo che lui aveva aggredito il giorno precedente in seguito a insulti rivolti da quest'ultimo a sua madre. La mattina dopo l'omicidio i carabinieri prelevano Crespi, senza avvisarne la madre che si trovava a lavoro, e lo chiudono in una cella della caserma fino alle undici della sera quando viene trasferito in carcere dove resterà per alcuni mesi fino all'assoluzione per non aver commesso il reato. Lasciato il carcere, decide immediatamente di partire per Milano per costruirsi una nuova vita.

Inizia con i lavori più svariati, come cameriere e buttafuori nelle discoteche, e poi finisce con il lavorare come modello per il famoso stilista Giorgio Armani. Si trasferisce a Roma poco dopo perché realizza che a Milano non potrà realizzare il sogno che aveva fin da bambino quando prendeva parte alle recite scolastiche, cioè fare l'attore.

Durante le riprese di una miniserie in Calabria va in aiuto di una collega aggredita da due camionisti e viene coinvolto in una rissa[1]. Condannato in primo grado a tre mesi, passa agli arresti domiciliari. Presenta appello ed infine la Corte di Appello di Reggio Calabria dichiara l'improcedibilità per mancanza di querela, essendo venuti a cadere i "futili motivi" che avevano portato alla condanna nel procedimento d'ufficio in primo grado[2].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995 esordisce nel film I buchi neri di Pappi Corsicato: nel cast c'è anche Manuela Arcuri con cui Crespi vive una storia d'amore di un anno.

Nel 1996 recita ne La sindrome di Stendhal, regia di Dario Argento; inoltre interpreta il ruolo di André de Gomera nella miniserie tv Il ritorno di Sandokan, diretta da Enzo G. Castellari.

Nel 1997 è protagonista, con il ruolo di Geko, del film Porzûs regia di Renzo Martinelli, e grazie alla sua interpretazione riceve il Globo d'Oro della Stampa Estera, come migliore attore esordiente; nello stesso anno interpreta il ruolo di Saro in Marianna Ucria, regia di Roberto Faenza, per cui riceve l'Oscar dei Giovani. Nel 2001 è tra i protagonisti del film Tra i due mondi, diretto da Fabio Conversi, nel ruolo di Grifone.

Dopo esser stato protagonista di alcune miniserie, nel 2002 è nel cast della serie tv Carabinieri, regia di Raffaele Mertes, in cui è protagonista nel ruolo di Tommaso Palermo. Nel 2005 è protagonista della serie in tredici puntate, Gente di mare, regia di Stefano Peyretti e Vittorio De Sisti, e nel 2007 della miniserie Pompei, diretta da Giulio Base.

Nel 2007, inoltre, inizia a girare Gente di mare 2, ma a maggio entra in forte disaccordo con la produzione e lascia la serie, apparendo solo nelle prime puntate. Al suo posto entra Fabio Fulco. Sempre nello stesso anno, entra nel cast della miniserie tv Mogli a pezzi, regia di Alessandro Benvenuti e Vincenzo Terracciano, e nel film tv Vita da paparazzo, regia di Pier Francesco Pingitore.

Nel 2010 partecipa alla 6ª edizione di Ballando con le stelle, insieme alla ballerina Natalia Titova. Dopo alcune puntate entra in conflitto con i giurati, poi con gli autori e i colleghi partecipanti, accusando anche la produzione di poca chiarezza nel televoto, scorrettezza professionale e disonestà. Accuse, quest'ultime, altamente contestate da Anna Oxa finite con una querela e richiesta di risarcimento danni per un milione di euro[3]. Dopo queste polemiche, abbandona senza preavviso la trasmissione durante l'ottava puntata, rendendosi irreperibile, provocando automaticamente la sua squalifica dalla competizione. È in quel periodo che scopre di avere una grave malattia respiratoria, ma la terrà a lungo nascosta.

Nel 2012 è ospite in due puntate della trasmissione di Antonella Clerici Ti lascio una canzone. Sempre nello stesso anno, è protagonista del videoclip "È Natale per noi" della rock band Controtempo.

Nel 2014 partecipa a Domenica Live e rivela di essere gravemente ammalato ai polmoni, malattia, secondo il personaggio, procuratasi nelle prime puntate del programma Ballando con le stelle del 2010 e non curata.[4]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Fiction televisiva[modifica | modifica sorgente]

Videoclip musicali[modifica | modifica sorgente]

Altri programmi[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Globo d'Oro come migliore attore, assegnato dalla stampa estera (1998)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nuova Cosenza Quotidiano Digitale - Notizie di Cronaca
  2. ^ Titolo - Nuova Cosenza Quotidiano Digitale
  3. ^ Ballando con le stelle, il caso Oxa arriva in tribunale – Tvzap
  4. ^ Lorenzo Crespi a Domenica Live “sono malato” – Tvzap

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]