Lomatia tasmanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lomatia tasmanica
456509194 b4bab5b9e7 o.jpg
Esemplare di L. tasmanica coltivato
nel giardino botanico di Hobart
Stato di conservazione
Status iucn2.3 CR it.svg
Critico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Eudicotiledoni
Ordine Proteales
Famiglia Proteaceae
Genere Lomatia
Specie L. tasmanica
Nomenclatura binomiale
Lomatia tasmanica
W.M.Curtis

Lomatia tasmanica (nota anche con il nome comune di King lomatia) è una specie di piante a fiore, appartenente all'ordine delle Proteales. Allo stato selvatico è attualmente nota un'unica colonia di esemplari di questa specie, nel sud-ovest della Tasmania, pertanto è considerata pressoché estinta in natura.

Gli individui noti possiedono tutti lo stesso patrimonio genetico: questa pianta, infatti, caratterizzata da un triplo assetto cromosomico (triploide) risulta sterile, e si riproduce unicamente per via vegetativa. Per questo motivo, gli esemplari attualmente conosciuti sono tutti cloni derivati da un predecessore comune. I singoli cloni hanno un'età media di circa 300 anni, ma la pianta è sopravvissuta clonandosi per almeno 43.600 anni, come confermato da analisi di datazione al carbonio-14 compiute su reperti fossili rinvenuti in un'area di circa 8 km intorno alla pianta. Tali esami hanno confermato che gli esemplari fossili sono effettivamente cloni degli individui attuali, identici per forma e struttura cellulare. Ciò fa della colonia di L. tasmanica uno degli organismi più antichi esistenti sulla Terra.

Da un punto di vista morfologico, la pianta possiede foglie composte di un lucido colore verde, e produce fiori rosa che tuttavia non sviluppano in frutti o semi, data la sterilità della specie.

La pianta venne scoperta nel 1937 da Charles Denison "Deny" King, un cercatore di stagno. Gli esemplari che compongono la colonia attualmente nota sono circa 500 e coprono un'area complessiva di 1,2 km nell'estremo sud-ovest della Tasmania; l'accesso a quest'area è proibito al pubblico per evitare di danneggiare la pianta, data la sua estrema rarità. Il governo della Tasmania nel tempo si è anche prodigato per riprodurre in cattività esemplari della pianta, allo scopo di salvaguardarla: attualmente alcuni individui di "King lomatia" sono stati coltivati in giardini botanici, primo fra tutti il Royal Tasmanian Botanical Gardens di Hobart, che ne ospita attualmente una ventina di esemplari.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]