Lojze Spacal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lojze Spacal (Trieste, 15 giugno 1907Trieste, 6 maggio 2000) è stato un pittore sloveno, esponente della comunità slovena in Italia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Lojze Spacal (noto anche come Luigi Spacal) è nato sul Carso triestino da una famiglia di nazionalità slovena.

Nel 1930 viene arrestato con l’accusa di antifascismo e inviato al confino ad Accettura, in Basilicata. Durante gli anni del confino scopre la sua vocazione artistica. Nel 1934 si diploma al liceo artistico di Venezia. Comincia ad esporre le sue prime opere nel 1937.

Nel 1942 viene reinviato al confino in Abruzzo e, in seguito, assegnato a un battaglione speciale di lavoro a Forte dei Marmi. Ciononostante, riesce a continuare ad esporre le sue opere tanto che, nel 1944, allestisce la sua prima personale. Nel 1948 partecipa per la prima volta alla biennale veneziana.

Nel 1958 vince il Gran premio internazionale "per un disegnatore e incisore" alla Biennale di Venezia, nel 1959 il 2º premio alla Biennale internazionale d'arte grafica di Lubiana. Nel 1974 gli viene conferito il premio Prešeren, massimo riconoscimento artistico sloveno, ed il “San Giusto d’Oro” nel 1977. Nel 1998 gli viene dedicato un museo nel castello di San Daniele del Carso.