Lohengrin (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cartolina raffigurante Lohengrin

Lohengrin è un personaggio letterario del ciclo arturiano, figlio di Parsifal.

Le gesta di Lohengrin le troviamo in una leggenda medievale tedesca celebre per aver ispirato l’omonima opera di Wagner. Chiamato il Cavaliere del Cigno, era figlio di Parsifal e Conduiramour. Un giorno Lohengrin fu chiamato, in qualità di servitore del Sacro Graal, a difendere Elsa di Brabante, che sarebbe poi divenuta sua moglie. Elsa era ingiustamente accusata di aver ucciso il fratello, così Lohengrin sfidò a duello Friedrich, l’accusatore, e vinse. Lohengrin sposò Elsa strappandole la promessa di non chiedergli mai il suo nome. Infatti Parsifal, prima che Lohengrin partisse per salvare Elsa, gli disse che se ella gli avesse chiesto di svelare la sua identità, questi avrebbe dovuto far ritorno a casa. Ma Elsa era troppo curiosa e timorosa nell'adempiere ai doveri coniugali di sposa e non seppe trattenersi dal fargli la fatale domanda. Lohengrin la accompagnò nella grande sala e, in presenza di tutti i cavalieri, le rivelò la sua identità. Dopo averle detto chi era, le disse che avrebbe dovuto lasciarla, per far ritorno alla Montagna Sacra, così salì su una barca a forma di cigno e scomparve.

Fa la sua prima apparizione nel Parzival di Wolfram von Eschenbach; in quest'opera Lohengrin si mette alla ricerca del Graal, guidato da un cigno. La grafia del nome adottata da von Eschenbach ha suggerito una possibile identificazione del cavaliere della tradizione germanica con Garin le Loherain, protagonista di una delle cinque canzoni della gesta dei Lorenesi.

Personaggio molto amato dalla cultura germanica, Lohengrin deve oggi la sua popolarità soprattutto all'omonima opera lirica di Richard Wagner (1848)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]