Logica paraconsistente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In logica, per logica paraconsistente si intende un sistema formale in cui possono verificarsi in modo controllato delle eccezioni al principio di non contraddizione, cioè possono presentarsi delle contraddizioni, senza però che con questo sia possibile derivare nel sistema ogni proposizione, evitando quindi il principio di esplosione.

Il termine fu coniato nel 1976 dal filosofo peruviano Francisco Miró Quesada, seppure il dibattito riguardo a sistemi logici in cui si verifichino contraddizioni risale agli Analitici primi di Aristotele; più recentemente, tra i primi autori del Novecento a sviluppare le logiche paraconsistenti figurano Vasil’év or Orlov, Stanisław Jaśkowski e Newton da Costa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filosofia