Logia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'ambito della critica biblica, i logia (greco: "detti" o "oracoli", al singolare logion) sono una ipotetica collezione di detti di Gesù cui avrebbe fatto riferimento lo scrittore cristiano del II secolo Papia di Ierapoli. Molti studiosi identificano questa collezione con l'ipotetica fonte Q, postulata per spiegare le caratteristiche comuni al Vangelo secondo Luca e al Vangelo secondo Matteo non presenti nel Vangelo secondo Marco ("doppia tradizione"). Più in generale, per logia si intendono brani brevi che non sono presenti altrove e sono generalmente unici.

Questo termine è usato anche per il contenuto di due papiri di Ossirinco ritrovati nel 1897 e nel 1904, oggi ritenuti parte dell'originale greco del Vangelo di Tommaso o comunque molto vicini ad esso.