Località montana di Chengde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Località montana e templi circostanti, Chengde
(EN) Mountain Resort and its Outlying Temples, Chengde
Ligong2.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1994
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
Un panorama della località montana di Chengde

La località montana di Chengde (in cinese: 避暑山庄, pinyin: Bìshǔ Shānzhuāng; letteralmente: "luogo di soggiorno montano per evitare il caldo"; in Manchu: Halhūn be jailara gurung), chiamata anche Ligong (in cinese: 离宫; pinyin: Lígōng, il palazzo estivo della Dinastia Qing è il più grande giardino imperiale che esista al mondo, situato nella provincia di Hebei, in Cina.

Tutto questo complesso venne costruito fra il 1703 e il 1792, durante un lasso di tempo di ben 89 anni. Esso si estende su di una superficie di 5,6 chilometri quadrati, cioè circa metà dell'area urbana di Chengde. Si tratta di un vastissimo complesso di palazzi ed edifici amministrativi e cerimoniali. I giardini imperiali e vari templi di diversi stili architettonici si fondono armoniosamente in un paesaggio di laghi, prati e foreste. Oltre al suo interesse puramente estetico, questo luogo riveste anche un interesse storico in quanto rappresenta l'ultimo sviluppo della società feudale in Cina.

Gli imperatori Kang Xi, Qianlong e Jiaqing erano soliti passare vari mesi l'anno in questi palazzi, per sfuggire al caldo della capitale Pechino; per questa ragione, la parte meridionale (dove si trovano i palazzi) venne progettata per assomigliare alla Città proibita. Questa zona consisteva di due parti: in quella anteriore l'imperatore riceveva gli ufficiali, i nobili e gli ambasciatori stranieri; in quella posteriore invece si trovavano le stanze della famiglia reale.

Molti luoghi del giardino imperiale vennero copiati da attrazioni naturalistiche sparse per tutta la Cina, come per esempio le praterie della Mongolia o gli edifici della Cina meridionale. La temperatura media della Località montana è 3 gradi più bassa di quella della stessa città di Chengde.

Nel dicembre del 1994 questa località venne inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hevia, James Louis. "World Heritage, National Culture, and the Restoration of Chengde." Positions: east asia cultures critique 9, no. 1 (2001): 219-43.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità