Lobularia maritima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lobularia maritima
Brassicaceae - Lobularia maritima-3.JPG
Lobularia maritima
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Dilleniidae
Ordine Capparales
Famiglia Brassicaceae
Genere Lobularia
Specie L. maritima
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi II
Ordine Brassicales
Famiglia Brassicaceae
Nomenclatura binomiale
Lobularia maritima
(L.) Desv.
Lobularia maritima

Lobularia maritima (L.) Desv. è una pianta erbacea, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pianta compatta.

L'altezza raggiunge i 25 cm.

Fiorisce per tutta l´estate senza interruzione sopportando bene le alte temperature.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Area mediterranea.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La famiglia delle Brassicaceae (assieme alle Asteraceae) è una delle più numerose delle Angiosperme con circa 350 generi e 3000 specie[1], diffusa principalmente nella fascia temperata e fredda del nostro globo. Il genere Lobularia è tipico della zona del Mediterraneo.
Il Sistema Cronquist assegna la famiglia delle Brassicaceae all'ordine Capparales mentre la moderna classificazione APG la colloca nell'ordine delle Brassicales. Sempre in base alla classificazione APG sono cambiati anche i livelli superiori (vedi tabella a destra).

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

La specie di questa scheda ha avuto nel tempo diverse nomenclature. Una possibile fonte di confusione è data dalle vecchie classificazioni nelle quali la pianta era nota come Alyssum maritimun Lam. In effetti, nelle vecchie classificazioni le specie dell'attuale genere Lobularia appartenevano al genere Alyssum (genere sempre appartenente alla famiglia delle Brassicaceae).

L'elenco che segue indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:

  • Alyssum maritimum f. argentatum Font Quer
  • Alyssum maritimum f. crassifolium Font Quer
  • Alyssum maritimum f. densiflorum (Lange) Briq.
  • Alyssum maritimum f. densiflorum (Lange) Samp.
  • Alyssum maritimum f. virescens Font Quer
  • Alyssum maritimum var. densiflorum (Lange) Rouy & Foucaud
  • Alyssum maritimum var. genuinum Rouy & Foucaud
  • Alyssum maritimum var. lepidoides Ball
  • Alyssum maritimum var. macrophyllum Pau
  • Alyssum maritimum (L.) Lam.
  • Alyssum murcicum Sennen
  • Alyssum odoratum hort.
  • Alyssum strigulosum (Kuntze) Amo
  • Clypeola maritima L.
  • Koniga maritima var. densiflora (Lange) Rouy
  • Koniga maritima var. genuina Rouy
  • Koniga maritima var. strigulosa (Kuntze) Rouy
  • Koniga maritima (L.) R. Br. in Denham & Clapperton
  • Koniga strigulosa (Kuntze) Nyman
  • Lobularia maritima f. densiflora (Lange) Maire
  • Lobularia maritima subsp. columbretensis R. Fern.
  • Lobularia maritima (L.) Desv. subsp. maritima (L.) Desv.
  • Lobularia maritima var. densiflora Lange
  • Lobularia strigulosa (Kuntze) Willk. in Willk. & Lange
  • Ptilotrichum strigulosum Kunze

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

Pianta perenne, si semina direttamente nel terreno, germinazione entro 10-15 giorni. Richiede esposizioni soleggiate.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Vol.2, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, pag. 841, ISBN 88-7287-344-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume 1, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 476, ISBN 88-506-2449-2.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume 1, Bologna, Zanichelli, 2004, pag. 606.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Volume 2, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, pag. 841, ISBN 88-7287-344-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]