Lobby dell'energia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine lobby dell'energia si suole indicare generalmente quelle aziende del settore energetico (carbone, elettricità, gas, petrolio) che attraverso una serie di azioni tentano di influenzare la politica energetica di Stati singoli o su scala internazionale.

Alcune tra le più grandi aziende e corporazioni del settore energetico come ExxonMobil, Royal Dutch Shell, BP, Total S.A., Chevron Corporation, ConocoPhillips, General Electric, Southern Co., First Energy ed Edison Electric Institute sono spesso indicate come appartenenti più presenti e influenti del gruppo d'interesse, nonché quelle che più investono annualmente nel mercato dell'energia.[1][2]

Influenza[modifica | modifica sorgente]

Influenza decisionale negli Stati Uniti[modifica | modifica sorgente]

Diversi scandali sono emersi nel corso degli anni tra le amministrazioni alla presidenza e diverse società dell'industria dell'energia. Per esempio, nel giugno 2005 emersero documenti provanti gli stretti rapporti di relazione la politica energetica dell'amministrazione Bush e la Exxon. Il presidente consultò i vertici della società d'energia in relazione alla loro posizione in merito al protocollo di Kyoto.[3]

Molti dei membri più influenti della lobby dell'energia sono tra i principali inquinatori degli Stati Uniti; con le società Conoco, Exxon e General Electric in lista delle prime sei per emissioni.[4]

Influenza internazionale[modifica | modifica sorgente]

Secondo l'International Sustainable Energy Organisation for Renewable Energy and Energy Efficiency, la seconda conferenza mondiale sul clima è stata sabotata dagli Stati Uniti e dalla lobby del petrolio. [5]

Critiche[modifica | modifica sorgente]

La lobby dell'energia è costantemente criticata da più parti per il fatto della loro forte incidenza nelle politiche di diversi governi in materia di ambiente ed energia, cosa che contribuisce, tra l'altro, a non trovare soluzioni legislative comuni per fermare il riscaldamento globale. [6][7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alexander's Gas & Oil Connections = Welcome / Main entry page
  2. ^ Lobbying Spending Database Center for Responsive Politics
  3. ^ Revealed: how oil giant influenced Bush | Special reports | Guardian Unlimited
  4. ^ PERI - Political Economy Research Institute: Toxic 100 Table
  5. ^ International Sustainable Energy Organisation for Renewable Energy and Energy Efficiency
  6. ^ http://www.environmentalintegrity.org/pubs/020807%20TRI%20EIP%20news%20rews%20release%20FINAL%20_2_.pdf
  7. ^ Global Warming and Energy Corporations

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]