Lo squalo (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo squalo
Titolo originale Jaws
Autore Peter Benchley
1ª ed. originale 1974
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Lo squalo (Jaws) è un romanzo scritto da Peter Benchley nel 1974.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia narra di un enorme squalo che sta mietendo vittime vicino alla spiaggia della città di Amity, a Long Island. Il sindaco si dimostra preoccupato per il minore afflusso di turisti e riesce a non far chiudere la spiaggia. Le morti continuano e il capo della polizia (Brody) chiede l’aiuto di un esperto pescatore Quint e di un giovane biologo marino, Matt Hooper. Questi intreccia una relazione con la moglie di Brody, che lentamente insospettisce il poliziotto. Inizieranno la caccia allo squalo insieme, con il sospetto che aleggia nell'aria. Alla fine, tuttavia, dopo tre giorni drammatici trascorsi sul mare, solo Brody uscirà vivo dalla tragica missione.

Al cinema[modifica | modifica wikitesto]

Dal romanzo è stato tratto nel 1975 il film Lo squalo, diretto da Steven Spielberg ed interpretato da Roy Scheider. Fu il film che decretò il successo di Spielberg, che aveva diretto prevalentemente film per la TV, seppure di ottima fattura come Duel ed anche qualche episodio de "Il tenente Colombo". Rispetto al romanzo il film si differenzia, principalmente, per l'assenza della tresca tra il biologo Hooper e la moglie di Brody, nonché per il fatto che nel film Hooper sopravvive, assieme al poliziotto, nella missione di caccia. Sono poi stati realizzati tre sequel de "Lo squalo":