Lo sguardo dell'altro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo sguardo dell'altro
Titolo originale La mirada del otro
Paese di produzione Spagna
Anno 1997
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Vicente Aranda
Casa di produzione Lola Films
Musiche José Nieto
Interpreti e personaggi

Lo sguardo dell'altro (La mirada del otro) è un film del 1997 scritto e diretto da Vicente Aranda con Laura Morante, Miguel Ángel García e José Coronado. Il film è un adattamento di un romanzo di Fernando G. Delgado.

Nel 1998 è stato premiato alla 48ª edizione del Film Festival di Berlino dove fu nominato per l'Orso d'oro.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Begonia è una consulente trentenne, che si è ribellata fin dalla sua adolescenza alla sua educazione alto-borghese, attraverso il sesso. Su indicazione del suo psicanalista, tiene un video-diario dei suoi incontri, utilizzando una microtelecamera palmare chiamata "Il Gufo". La notte di Natale, Begonia, riluttante, va a cena presso la sua famiglia disfunzionale, composta dall'austera madre, suo fratello sposato e sua sorella minore Isabel. Presto Begonia, la pecora nera della famiglia, si scontra con i suoi familiari: lascia bruscamente la casa, sua sorella è l'unica a comprenderla. La stessa sera, in un bar, Begonia conosce Daniel, un avvenente ragazzo diciottenne. Attraente e sicura di sé, Begonia cattura subito la sua attenzione, ma quando arriva nel bar anche il suo ex fidanzato Elio, questi e Daniel di scontrano. La mattina successiva, Begonia si sveglia nel suo letto assieme a Daniel. Ubriaca com'era la sera prima, non riesce a ricordare cosa sia successo. Daniel le descrive la notte di sesso sfrenato che i due hanno consumato assieme. Giovane, ricco e senza una vera occupazione, Daniel inizia a perseguitare morbosamente Begonia la quale, seppure attratta da lui, ignora le sue attenzioni. In realtà, Daniel è solo uno dei tanti uomini nelle grazie di Begonia: oltre a lui e a Elio, c'è anche Ramòn, collega e sporadico amante di Begonia, del quale cui però si è già stancata, tanto che inizia a respingere le sue avances. Solo Ignacio, un pittore più anziano di lei, sembra interessarle veramente, nonostante sia abbastanza vecchio da poter essere suo padre. Begonia è stata la sua amante per molti anni e Daniel, che una volta l'ha seguita fino a casa di Ignacio, nonostante la relazione con l'anziano pittore, non perde interesse per lei. A Capodanno, Begonia partecipa a una festa in cui incontra alcuni vecchi amici, a casa di Santiago, suo ragazzo ai tempi della scuola superiore, ora sposato e padre di due gemelli. Begonia immagina come avrebbe potuto essere una tradizionale moglie e madre se fosse rimasta assieme a lui. Alla festa incontra anche l'amica Marian, sposata con un uomo molto più giovane di lei e che ha difficoltà a rimanere incinta: Marian le chiede allora di aiutarla e Begonia si presta tramite fellatio a raccogliere lo sperma del giovane marito e che Marian utilizzerà per l'inseminazione artificiale. Lo spirito d'avventura porterà Begonia ad accettare una sfida di Elio, cioè andare in un malfamato quartiere di Madrid fingendosi una prostituta: finirà brutalmente violentata da alcuni uomini, tra i quali uno grande e grosso, il magnaccia della zona. Dopo l'esperienza traumatica, Begonia cercherà di costruirsi una vita più tranquilla e rispettabile: ancora una volta, contro il volere della sua famiglia, sposerà Daniel, dal quale avrà un figlio. Nonostante ciò, ancora insoddisfatta, deciderà un giorno di tornare nel quartiere dov'era stata violentata, in cerca di nuove esperienze.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Berlinale: 1998 Programme in berlinale.de. URL consultato il 2012-01-21.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema