Lo sconosciuto (film 1927)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo sconosciuto
Lo scоnosciuto (film 1927).png
una scena del film
Titolo originale The Unknown
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1927
Durata 63 min
Colore B/N
Audio muto
Genere drammatico, orrore, sentimentale
Regia Tod Browning
Soggetto Tod Browning,
Mary Roberts Rinehart (non accreditata)
Sceneggiatura Waldemar Young
Fotografia Merritt B. Gerstad
Montaggio Harry Reynolds, Errol Taggart
Interpreti e personaggi

Lo sconosciuto (The Unknown) è un film del 1927 diretto da Tod Browning.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Lon Chaney (il celeberrimo trasformista, morto quarantasettenne nel 1930 subito prima che il ventiquattrenne suo figlio Lon Chaney Jr. cominciasse a fare film) è Alonzo un circense privo di entrambe le braccia. La belloccia di turno è Nanun/Joan Crawford che sprezza l'uomo forzuto che la corteggia. Il nostro Alonzo, che ha un nano come henchman (tirapiedi), in realtà bara: tira pugnali coi piedi alla belloccia (controfigura celata dietro il corpo dell'attore che usa i piedi tipo le mani, ma ad altezze impensabili). Alonzo conquista la bella Nanun e ne uccide il padre capo del Circo solo perché lo sbeffeggiava. Nanun ha assistito all'omicidio, ma tutto quello che ha visto dell'assassino è una mano con due pollici - esattamente quella di Alonzo. Alonzo - per tenersi vicina una donna che ha paura di essere toccata e, ora, anche per non essere da lei denunciato - decide di intraprendere un'operazione chirurgica per farsi amputare entrambe le braccia. Quando Alonzo torna al circo, scopre però che Nanun ha superato la sua fobia: si lascia felicemente abbracciare dall'uomo forzuto. Alonzo medita vendetta: tenta di far strappare le braccia all'uomo forzuto durante un numero da circo. Ma la vendetta non va a buon fine e Alonzo rimane ucciso.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Lo sconosciuto è uno dei più intensi e sottovalutati capolavori del regista Tod Browning (suoi sono anche Dracula e Freaks). Joan Crawford raccontò sempre di avere imparato di più del mestiere di attrice lavorando insieme a Chaney in questo film che da chiunque altro durante la sua lunga carriera, e i critici spesso citano l'interpretazione di Chaney come una delle migliori mai catturate su pellicola. Burt Lancaster sosteneva che il ritratto dato da Chaney del personaggio in Lo sconosciuto era la performance d'attore più emozionante che avesse mai visto.

Come nei confronti di Freaks, la critica contemporanea al film, mostrò di non apprezzarlo affatto. «Visitare la sala delle autopsie di un ospedale sarebbe più divertente», sentenziò il New York Evening Post, «e allo stesso tempo più istruttivo». La critica moderna ha completamente rivalutato l'opera, definendola forse la migliore di Browning.

Restauro[modifica | modifica sorgente]

Per molti anni il film è stato disponibile solo attraverso una copia incompleta in formato 9.5 mm, fino a quando ne fu trovata una copia di qualità superiore in 35 mm nel 1968, preservata nella Cinémathèque française. Nonostante questo, varie scene della parte iniziale del film sono ancora mancanti, anche se queste non sono essenziali per la comprensione della storia.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nella sceneggiatura originale del film e in qualche scena girata ma poi eliminata, Alonzo uccide sia il dottore che gli ha amputato le braccia che il suo fedele assistente Cojo, per eliminare degli scomodi testimoni prima di ritornare a reclamare Nanon.
  • I piedi che Chaney usa nel film come fossero le sue mani, appartenevano ad un vero lanciatore di coltelli senza braccia, tale Paul Desmuke (accreditato a volte come Peter Dismuki).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema