Llaima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Llaima
Llaima eruption2.jpg
Eruzione del 2008 vista da Temuco
Stato Cile Cile
Regione Regione dell'Araucanía
Altezza 3125 m s.l.m.
Catena Ande
Ultima eruzione 5 aprile 2009
Coordinate 38°41′49.45″S 71°43′49.6″W / 38.69707°S 71.730445°W-38.69707; -71.730445Coordinate: 38°41′49.45″S 71°43′49.6″W / 38.69707°S 71.730445°W-38.69707; -71.730445
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Cile
Llaima

L'Llaima è uno dei più grandi e dei più attivi vulcani del Cile, situato a 80 chilometri dalla città di Temuco e a 660 chilometri a sud della capitale Santiago, ai confini del parco nazionale di Conguillío.

Geologia[modifica | modifica sorgente]

La sommità del vulcano Llaima è formata da due cime, la più bassa chiamata Pichillaima, è alta ca 2920 m s.l.m. mentre la principale posta a nord svetta a 3125 m s.l.m.[1]

La base del vulcano è posta a un'altitudine di 740 m s.l.m.[1]

Il vulcano sovrasta assieme al vulcano Sierra Nevada, il lago Conguillío. Sulle sue pendici nascono i fiumi Quepe e Trufultruful.[1] Il primo è un affluente del fiume Cautín, il secondo dell'Allipén.

Eruzioni[modifica | modifica sorgente]

Llaima è uno dei vulcani cileni più attivi con frequenti e quasi continue eruzioni. La sua attività è documentata dal XVII secolo, con distinti episodi, spesso di tipo moderato ma anche di tipo esplosivo, caratteristica di tutti gli stratovulcani. L'ultima grande eruzione è avvenuta nel 1994[2].

Nel gennaio 2008 una eruzione ha costretto all'evacuazione centinaia di persone che vivevano nei dintorni. Una colonna di cenere si è elevata per un'altezza di tremila metri. Il pennacchio di fumo spinto da correnti occidentale ha attraversato la cordigliera delle Ande depositandosi in Argentina nell'area di Zapala nella provincia di Neuquén, causando la cancellazione di voli dall'aeroporto della città di Neuquén[3] Il 2 luglio del 2008, nuova eruzione con l'evacuazione di quaranta persone da una stazione sciistica.[4].

Il 5 maggio del 2009 il vulcano ha dato inizio a una nuova eruzione, con flussi piroclastici, depositi di cenere e emissione di lava.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (ES) Sernageomin, Volcán Llaima. URL consultato il 30 agosto 2007.
  2. ^ Chile volcano forces evacuations, BBC, 2 gennaio 2008.
  3. ^ Cancelan vuelos en el aeropuerto de Neuquén por la erupción en Chile del volcán Llaima, Clarín, 2 gennaio 2008.
  4. ^ Chile ski station evacuated as volcano erupts, Yahoo!News, 2 luglio 2008.

There is a video of the eruption on http://news.bbc.co.uk/player/nol/newsid_7160000/newsid_7167400/7167415.stm?bw=bb&mp=wm&asb=1&news=1&bbcws=1

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]