Living in Sin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: New Jersey.

Living in Sin
Living in Sin.png
Screenshot del video
Artista Bon Jovi
Tipo album Singolo
Pubblicazione 20 dicembre 1989
Durata 4 min : 39 s
Album di provenienza New Jersey
Genere Pop metal
Hair metal
Hard rock
AOR
Etichetta Mercury Records
Produttore Bruce Fairbairn
Registrazione 1988
Formati Singolo
Bon Jovi - cronologia
Singolo precedente
(1989)
Singolo successivo
(1992)

Living in Sin è una canzone dei Bon Jovi, scritta da Jon Bon Jovi. Fu estratta come quinto e ultimo singolo dal quarto album in studio del gruppo, New Jersey, nel 1989. Fu anche la quinta hit dello stesso disco a entrare nella top 10 della Billboard Hot 100, dove raggiunse la posizione numero 9, facendo di questo l'album hard rock ad aver avuto più canzoni di sempre nelle prime dieci posizioni in classifica.

Il brano, che è caratterizzato da un potente basso di Alec John Such, presenta il tema della convivenza e sostiene che il vero amore sia più forte di tutto il resto, anche di ciò che gli altri potrebbero dire come nel verso: "I call it love, they call it living in sin" ("Io lo chiamo amore, loro lo chiamano vivere nel peccato"). Una performance dal vivo della canzone è presente nella registrazione Live at Madison Square Garden.

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Il videoclip del brano di Living in Sin è stato registrato in bianco e nero. Insieme ad alcune sequenze in cui vengono proposti i membri della band che suonano la canzone, tra cui spiccano maggiormente Jon Bon Jovi e Richie Sambora, la maggior parte del video è focalizzata sulla storia di una coppia e dei loro problemi nel portare avanti una relazione, nonostante la contrarietà dei genitori della ragazza. Questa, dunque, decide di scappare di casa per incontrare in segreto il proprio fidanzato. Il clip si conclude quando i suoi genitori irrompono nella stanza d'albergo dove lei e il suo ragazzo dormivano.

Tale videoclip fu oggetto di una particolare controversia con MTV: tale emittente, infatti, decise di bandirlo dal suo palinsesto televisivo a causa dei contenuti ritenuti "troppo piccanti". Il video, allora, fu dovuto essere riedito per cominciare a venire regolarmente trasmesso.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]