Live at Wembley '86

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Live at Wembley '86
Artista Queen
Tipo album Live
Pubblicazione 2 giugno 1992
Durata 1 h: 50 min: 06 s
Dischi 2
Tracce 28
Genere Hard rock
Glam rock
Arena rock
Etichetta Parlophone / Hollywood Records (US)
Produttore Queen
Registrazione 12 luglio 1986, Stadio di Wembley, Londra, Inghilterra
Note Ristampato in versione rimasterizzata nell'agosto del 2003, con 4 bonus track aggiuntive
Certificazioni
Dischi d'oro Austria Austria[1]
(vendite: 25 000+)

Brasile Brasile[2]
(vendite: 100 000+)
Germania Germania[3]
(vendite: 250 000+)

Svizzera Svizzera[4]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platino Francia Francia[5]
(vendite: 300 000+)

Polonia Polonia[6]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito[7]
(vendite: 300 000+)

Stati Uniti Stati Uniti[8]
(vendite: 1 000 000+)
Queen - cronologia
Album precedente
(1991)
Album successivo
(1992)
« Freddie è l'unico che riesce a coinvolgere e a far battere le mani all'ultima fila di Wembley. »
(David Bowie e Mick Jagger)

Live at Wembley '86 è un album live della rock-band britannica Queen, pubblicato per la prima volta in vinile e doppio CD, il 2 giugno 1992, ma registrato dal vivo allo stadio di Wembley di Londra, sabato 12 luglio 1986, durante una tappa del Magic Tour europeo, svoltosi dopo l'uscita del precedente lavoro della band A Kind of Magic.

Nell'agosto del 2003 l'album è stato rimasterizzato dalla Hollywood Records e ripubblicato negli Stati Uniti in doppio CD, con il nuovo titolo Live at Wembley Stadium, alcune bonus tracks e preceduto in giugno da un ulteriore riedizione in doppio DVD.

Un'edizione speciale di DAT può essere trovato. Registrato e distribuito da W.L.S.T. in Europa, sotto licenza della EMI / Parlophone. La track list è la stessa in entrambi i CD. W.L.S.T. usato sony pdp 125 e 500 bande registrati.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Disco 1[modifica | modifica wikitesto]

  1. "One Vision" – 5:50 (Queen)
  2. "Tie Your Mother Down" – 3:52 (May)
  3. "In the Lap of the Gods...Revisited" – 2:44 (Mercury)
  4. "Seven Seas of Rhye" – 1:18 (Mercury)
  5. "Tear It Up" – 2:12 (May)
  6. "A Kind of Magic" – 8:41 (Taylor)
  7. "Under Pressure" – 3:41 (Queen, Bowie)
  8. "Another One Bites the Dust" – 4:54 (Deacon)
  9. "Who Wants to Live Forever" – 5:16 (May)
  10. "I Want to Break Free" – 3:34 (Deacon)
  11. "Impromptu" – 2:53 (Queen)
  12. "Brighton Rock Solo" – 9:11 (May)
  13. "Now I'm Here" – 6:19 (May)

Disco 2[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Love of My Life" – 4:47 (Mercury)
  2. "Is This the World We Created...?" – 2:58 (Mercury, May)
  3. "(You're So Square) Baby I Don't Care" – 1:35 (Leiber, Stoller)
  4. "Hello Mary Lou (Goodbye Heart)" – 1:51 (Pitney)
  5. "Tutti Frutti" – 3:23[9] (Richard)
  6. "Gimme Some Lovin'" – 0:55 (Winwood, Davis, Winwood)
  7. "Bohemian Rhapsody" – 5:50 (Mercury)
  8. "Hammer to Fall" – 5:32 (May)
  9. "Crazy Little Thing Called Love" – 6:27 (Mercury)
  10. "Big Spender" – 1:06 (Fields, Coleman)
  11. "Radio Ga Ga" – 5:57 (Taylor)
  12. "We Will Rock You" – 2:46 (May)
  13. "Friends Will Be Friends" – 2:08 (Mercury, Deacon)
  14. "We Are the Champions" – 4:05 (Mercury)
  15. "God Save the Queen" – 1:27 (trad. arr. May)
Tracce bonus della versione rimasterizzata nel 2003 dalla Hollywood Records
  1. A Kind Of Magic (Live at Wembley Stadium, July 11th 1986) - 8:26
  2. Another One Bites the Dust (Live at Wembley Stadium, July 11th 1986) - 5:41
  3. Crazy Little Thing Called Love (Live at Wembley Stadium, July 11th 1986) - 6:!3
  4. Tavasi Szel Vizet Arast (Live in Budapest, July 27th 1986) - 2:16

DAT[modifica | modifica wikitesto]

C'è anche un nastro DAT contenente i titoli dei 2 CD . Il nastro è stato prodotto in 500 copie e venduto da catalogo solo WLST 2002. Sony cassette 125 min

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Magic Tour § Cover.

Nei 2 concerti a Wembley, del resto come in tutto il Magic Tour, i Queen hanno inserito in scaletta anche diverse cover.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante l'introduzione di Who Wants to Live Forever, Freddie risponde a chi vuole i Queen sul punto di rottura e, indicando il proprio posteriore, dice: They're talking from here! (Parlano da qui!). Durante il discorso, Freddie fa un commento profetico: "Quindi dimenticate quelle voci, staremo assieme finché, cazzo, non saremo morti, ne sono sicuro."
  • Tutte le canzoni pubblicate sull'album fanno parte del concerto del 12 luglio[10], ma alcuni estratti del concerto della serata precedente sono stati pubblicati rispettivamente nell'album Live Magic, nell'edizione CD di quest'album rimasterizzata nel 2003 dalla Hollywood Records, denominata Live at Wembley Stadium, e nel DVD omonimo. Infine il 5 settembre 2011 la Island/Universal, in occasione del quarantennale della band e di quello che sarebbe stato il 65º compleanno di Freddie Mercury, ha ripubblicato il doppio DVD del concerto, contenente anche l'intera esibizione dell'11 luglio nel DVD 2, e, nell'edizione Deluxe anche la rimasterizzazione digitale del concerto del 12 luglio in doppio CD.
  • Hello Mary Lou è suonata in RE bemolle.
  • Il reprise del brano Tutti Frutti, presente nella VHS originale e nel DVD, ma non nell'edizione CD del 1992[9], è stato inserito nella versione rimasterizzata nel 2003 dalla Hollywood Records.
  • La registrazione di Hammer To Fall del 12 luglio, pubblicata su questo album, fu precedentemente pubblicata sull'album Live Magic: in quella versione si possono meglio apprezzare la rullata dispari alla batteria, verso la fine del brano, e intorno a 4' e 10", l'effetto del treble booster di Brian May, evidentemente riorganizzati in sede di produzione. L'audio del concerto in DVD conserva anche il timbro originario della batteria.
  • Nell'esecuzione di Crazy Little Thing Called Love, Mercury suona senza plettro una Fender Telecaster.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti di supporto[modifica | modifica wikitesto]

The Original Concert[modifica | modifica wikitesto]

Il concerto iniziò alle 16.00 e il prezzo del biglietto era di £14.50. Quel giorno si esibirono 3 band prima dei Queen:

  1. INXS
  2. The Alarm
  3. Status Quo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Austrian album certifications, IFPI Austria.Bisogna inserire Queen nel campo Interpret, digitare poi Live at Wembley nel campo Titel e cliccare sul bottone Suchen.
  2. ^ (PT) Associação Brasileira dos Produtores de Discos, Certificados. URL consultato il 20 settembre 2014.
  3. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  4. ^ Hung Medien, The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Queen; 'Live at Wembley'). URL consultato il 20 dicembre 2014.
  5. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, SNEP. URL consultato il 22 ottobre 2014. Inserire Queen e premere il tasto OK.
  6. ^ (PL) Przyznane w 2009 roku, ZPAV. URL consultato il 4 agosto 2014.
  7. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Queen" in "Keywords", dunque premere "Search".
  8. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 13 maggio 2015.
  9. ^ a b Tutti Frutti: Durata del brano 2 min: 54 s (versione CD del 1992) / 3 min : 23 s (rimasterizzazione del 2003)
  10. ^ (EN) Queenpedia-Sessionography. URL consultato il 12 giugno 2011.