Liuva II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liuva II
Liuva II
Re dei Visigoti
In carica 601 - 603
Predecessore Recaredo I
Successore Viterico
Nascita 583
Morte 603
Padre Recaredo I
Madre Baddo

Liuva II dei Visigoti (583603) è stato un sovrano visigoto. Liuva, anche in spagnolo, in catalano ed in portoghese, re dei Visigoti dal 601 al 603.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Figlio del re dei Visigoti, Recaredo I.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 601, alla morte del padre, divenne re dei Visigoti.

Nella primavera del 602, Viterico, che era stato uno dei cospiratori, col vescovo di Merida, Sunna, per ristabilire l'arianesimo nel 589, ebbe il comando dell'esercito che avrebbe dovuto combattere i Bizantini.

Invece di impegnarsi contro i nemici, Viterico, con l'appoggio di una parte della nobiltà visigota, nella primavera del 603, invase il palazzo reale e depose il giovane re; dopo averlo imprigionato gli fece tagliare la mano destra.

Nell'estate del 603, Liuva fu condannato a morte e la sentenza fu eseguita immediatamente.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rafael Altamira, La Spagna sotto i Visigoti, in «Storia del mondo medievale», vol. I, 1999, pp. 743-779.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sovrani visigoti Successore
Recaredo I 601603 Viterico