Little Red Rooster (Howlin' Wolf)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Red Rooster
Artista Howlin' Wolf
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1961
Durata 2:25
Dischi 1
Tracce 2
Genere Blues
Etichetta Chess Records (Chess 1804)
Produttore Leonard Chess, Phil Chess, Willie Dixon
Howlin' Wolf - cronologia
Singolo precedente
(1961)
Singolo successivo
(1962)

Little Red Rooster (o The Red Rooster come venne inizialmente intitolato) è un brano musicale blues considerato uno standard del genere.[1] Howlin' Wolf registrò The Red Rooster nel 1961, canzone accreditata a Willie Dixon, anche se precedenti brani blues erano stati citati come fonte d'ispirazione per la traccia.[2] Una moltitudine di artisti ha reinterpretato la canzone, inclusi Sam Cooke, Willie Mabon, The Doors, e The Rolling Stones, che ebbero un importante successo di classifica con il brano nel 1964.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Origine e storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gallo ("rooster" in lingua inglese) è un tema ricorrente in diverse canzoni blues degli anni venti e trenta, e la canzone del 1929 Banty Rooster Blues di Charlie Patton viene spesso indicata come la "progenitrice" di Little Red Rooster.[2] Anche se musicalmente i due brani sono differenti, esistono delle similitudini per quanto riguarda i testi. La traccia di Patton include i versi: «What you want with a rooster, he won't crow 'fore day» e «I know my dog anywhere I hear him bark», simili a quelli presenti in The Red Rooster scritti da Dixon: «I have a little red rooster, too lazy to crow 'fore day» e «Oh the dogs begin to bark...»[3] Inoltre, If You See My Rooster (Please Run Him Home) (1936 Vocalion 03285) di Memphis Minnie contiene la strofa: «If you see my rooster, please run 'im on back home», simile a «If you see my little red rooster, please drive 'im home» di Dixon.[3]

Nel 1950, Margie Day con i Griffin Brothers registrò un blues uptempo dal titolo Little Red Rooster (Dot 1019). La canzone venne descritta come "un grintoso blues piccante, con ottime percussioni boogie boogie sullo sfondo".[4] Il brano ebbe successo, raggiungendo la posizione numero 5 della classifica Billboard R&B Chart nel 1951.[5] La versione della Day include il verso: «Got a little red rooster, and man how he can crow...He's a boss of the barnyard, any ol' place he goes». Il brano è accreditato a Edward e James Griffin[6] e, nonostante sia intitolata Little Red Rooster, non è assolutamente lo stesso brano di Willie Dixon né musicalmente né dal punto di vista del testo.[7]

Versione dei Rolling Stones[modifica | modifica wikitesto]

Little Red Rooster
Artista The Rolling Stones
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1964
Durata 3:05
Dischi 1
Tracce 2
Genere Blues
Etichetta Decca Records Decca F.12014
Produttore Andrew Loog Oldham
Registrazione 1964, Chess Studios, Chicago, Illinois
Note n. 1 Gran Bretagna
The Rolling Stones - cronologia
Singolo precedente
(1964)
Singolo successivo
(1965)

Little Red Rooster fu scelta dai Rolling Stones come loro singolo britannico per il 1964. Pubblicato nel novembre del '64, il singolo (lato B: Off the Hook) raggiunse la posizione numero 1 in classifica nel Regno Unito il 5 dicembre dello stesso anno.[8] Fu la prima ed unica volta che una canzone blues raggiunse la vetta della classifica dei singoli in Gran Bretagna.

A seguito del successo della cover di Little Red Rooster fatta da Sam Cooke, i Rolling Stones registrarono la loro versione del brano nel 1964. La seduta d'incisione ebbe luogo ai Chess Studios di Chicago, gli stessi studi dove Howlin' Wolf, Muddy Waters, Little Walter, ecc..., registrarono i loro classici blues (il brano strumentale dei Rolling Stones intitolato 2120 South Michigan Avenue fu così chiamato proprio in onore all'indirizzo dello studio).

Little Red Rooster non venne pubblicata come singolo negli Stati Uniti, ma fu inclusa nell'album The Rolling Stones, Now! del 1965.

Tracce singolo Rolling Stones[modifica | modifica wikitesto]

Decca F.12014
  1. Little Red Rooster (Willie Dixon) - 3:05
  2. Off the Hook (Jagger/Richards) - 2:34

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bill Janovitz, The Red Rooster – song review, allmusic. URL consultato il 21 settembre 2010.
  2. ^ a b Gerard Herzhaft, Encyclopedia of the Blues, University of Arkansas Press, 1992, p. 467, ISBN 1-55728-252-8.
  3. ^ a b The Blues, Hal Leonard Corporation, 1995, p. 117, ISBN 0-7935-5259-1.
  4. ^ Margie Day – record review in Billboard, vol. 62, nº 51, 23 dicembre 1950, p. 25.
  5. ^ Joel Whitburn, Top R&B Singles 1942–1988, Record Research, Inc, 1988, p. 613, ISBN 0-89820-068-7.
  6. ^ Il sito web della Day afferma che il brano fu scritto da Kay Griffin con un aiuto da parte sua. Margie Day at Centerstage Children's Theatre
  7. ^ Discussione online su Little Red Rooster
  8. ^ Chart Stats